La filastrocca del primo amore



Chiedo scusa, venia e perdono, ma a volte la tentazione di giocare con le parole è così forte! 
Quella che segue è solo una filastrocca, non pretende d'essere una poesia, ma in fondo forse anche un ricordo commovente: la prima, semplice, giocosa e sorprendente attrazione, roba da banchi di scuola  dei miei tempi ...
Vorrei dedicarla a tutti gli scolari delle classi miste nei primi anni di superiore, quelli il cui unico passato è di essere stati bambini e che non hanno ancora niente altro da ricordare, ma che sentono qualche rimescolamento senza capire bene di che si tratta, per qualche compagno/a ...

Primo amore

Il giorno che t'amai
  l'aria era leggera
 per non fare rumore.
Un tuffo e non capii,
 sparite le parole,
volate via anche loro,
 fuggite per spavento.
Mi prese lo stupore
e navigai nel vento.
Sontuoso era il veliero,
galante il capitano,
ma appena fui sfiorata
allontanai la mano.
La fiaba volge al fine
breve è la filastrocca:
bambina mia tu bada,
attenta a chi ti tocca!
Eppure lo ricordo:
puerile fu l'incanto,
nuovo era il sole
e santo, puro era
il nuovo amore.

Commenti

  1. Eh si! Un piccolo omaggio ad una emozione che non era una storia "importante" o forse si? Grazie pinkg! Buona giornata :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog