Non guardarmi (poesia)



I momenti  scolpiti nella sabbia si sgretolano nel vento e sotto i raggi del sole. 
Nessuno crede ai sogni ed i fili dell'amore non sanno più intrecciarsi, ma scivolano tra dita febbrili ed occhi disincantati.
La bellezza rimane splendente e superba nella natura e sussurra pensieri e rapisce la mente lontano nelle terre che non saranno mai conosciute, oltre gli oceani dei navigatori più arditi, al di là di ogni orizzonte immaginato.

Un piccolo amore una gabbia dorata e la follia della fuga ....
Finché la sabbia frantumi la clessidra.

Non guardarmi

Sui ciottoli a piedi nudi
levigati nella carezza dell'acqua,
salsedine granulosa
sulle tue labbra umide,
possedute dai baci.

Mani inquiete,
pensieri fuggenti.
Mi ha portato via
il mare,
non riconosco
la passione avvincente
dei tuoi respiri.

Brilla sull'orizzonte
una vela bianca
e tu vi hai posato
lo sguardo stanco,
consunto nel desiderio.

Non guardarmi, 
non posso incontrare
i tuoi occhi,
non guardarmi.

Ho dimenticato
una cosa, 
una piccola cosa.
Ho dimenticato
dove, il luogo e la strada.
Ho abbandonato 
il tempo a macerare
disperato in fondo
ai tuoi occhi.

Tu non guardarmi:
lascia che scenda la sera.




Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan