Pensiero fossile (poesia)



Come perdersi nel bosco tra le basse nebbie e l'intrico dei rami, accade a volte di non poter decifrare se stessi e di fermarsi del tutto o di compiere azioni prive di senso che non sembrano portare da nessuna parte. 
Cercare un significato allora è come una specie di malattia che genera oracoli invasati capaci di rimescolare tutto e poi defilarsi in punta di piedi, ebbri della loro regale inconsistenza, eppure   cercare sempre infine stanca ...

Pensiero fossile

Non ricordo
 di quando venni al mondo
 ed ho cercato invano 
radici abbarbicate 
nella terra. 
Non trovai 
che un pensiero,
 avvolto
 in una voluta di fumo,
 fermo a mezz'aria 
e timoroso di salire al cielo,
perciò appesi il mio cappello
 al ramo alto, 
come un invito
 e poi attesi a lungo
finché divenni pietra.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia