Gamberetti for ever: storia della ricetta cambiata!


Buona domenica cari amici e buon inizio giugno! Oggi vi diletterò con la storia della mia ricetta cambiata, mutatis mutandis (... non pensate subito a male!) ecco com'è andata: dunque volevo preparare la pasta con gamberetti e panna, come si fa? Semplice: voi comprate i gamberetti, mettete in una teglia un fondo d'olio extravergine di oliva, aggiungete i gamberetti sciacquati e lasciati colare e coprite, poi quasi a fine cottura aggiungete un peperoncino spezzato a metà, un pò d'aglio e prezzemolo tritati freschi freschi.

Ultimata la cottura sgusciate ad uno ad uno i gamberetti (si ci vuole pazienza! che lo domandate a fare?) rimettete nel sughetto del fondo di cottura i gamberetti sgusciati, mentre le teste ed i gusci li passerete per lo schiacciapatate per estrarne tutto il succo da aggiungere ovviamente nel tegamino dei gamberetti.

Ora aggiungete una busta di panna da cucina e portate appena ad ebollizione, quindi spegnete e condite la pasta. Semplice, no?
Insomma non proprio, questa era la prima intenzione, ma poi io domando:
- Come la volete la pasta? Gamberi e panna va bene o preferite il pomodoro? -
A dire il vero, conoscendo i miei polli, avevo già in un altro tegamino fatto rosolare in olio extravergine di oliva (sempre!!) i tentacoli tagliuzzati di alcuni calamari, aggiungendo a mezza cottura i pomodori datterini lavati e privati dei semi, quindi a cottura pressoché ultimata il trito di aglio e prezzemolo freschi ed il peperoncino ed ovviamente ho posto la mia domanda prima di aggiungere la panna ai gamberetti.
Voi non ci crederete, ma loro (i miei) preferiscono sempre lo spaghetto (ovvio che su gamberetti e panna ci va il maccheroncino o il pacchero!) e sempre il pomodoro, sempre la stessa cosa dico io, ma non c'è verso: l'errore sta nel chiedere!
Non resta a me altro da fare che mescolare i tegamini e condire la pasta: per vostra conoscenza i gamberetti con la panna sono squisiti! Preparateli e serviteli senza far domande: tranquilli, li divoreranno!!
Buona domenica a tutti!

Commenti

  1. Fare le "primarie" in famiglia prima di "buttare la pasta" è democratico, ma è meglio fare la "sorpresa" a cottura avvenuta :-)

    RispondiElimina
  2. Quoto Jennaro :-D ma alle volte li si vorrebbe far contenti (ardua impresa ;-)
    Comunque alla prossima occasione seguirò il tuo consiglio (ci avevo già pensato)
    Grazie e ... buona festa della Repubblica!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Il marchio di Caino (poesia)

L’ombra di Peter Pan