Istat: galoppa la disoccupazione

Ancora oggi cattive notizie dall'Istituto nazionale di statistica: la disoccupazione in Aprile 2014 non accenna a ridursi, il tasso di disoccupazione è del 12,6% stabile rispetto al mese precedente ed aumentato dello 0,6% su base annua.
Abbiamo 685.000 giovani disoccupati tra i 15 ed i 24 anni: il tasso di disoccupazione in questa fascia d'età (la quota di disoccupati in rapporto alla totalità di occupati e di quelli in cerca di lavoro) è del 43,3%, aumentata dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 3,8% nel confronto tendenziale.

Globalmente il tasso delle persone inattive: tra i 15 ed i 64 anni aumenta dello 0,6% rispetto al mese precedente, ma si riduce dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il tasso di inattività è del 36,4%.

I dati trimestrali riferiti al primo trimestre 2014 sembrano ugualmente poco confortanti: il numero dei disoccupati aumenta su base tendenziale segnando un +6,5%  praticamente 212.000 disoccupati in più su base annua e coinvolge sia coloro che hanno perso il lavoro sia quelli in cerca di un primo impiego: in sei casi su dieci si tratta di giovani di età inferiore ai 35 anni. 
 Il 58,6% dei disoccupati è in cerca di lavoro già da un anno o più: anche questo dato che riguarda la durata della disoccupazione segna un incremento, nello stesso periodo dello scorso anno infatti erano in questa condizione il 54,8% dei disoccupati.
Anche nell'ambito degli occupati va rilevata la ulteriore riduzione degli occupati a tempo pieno (-1,4% rispetto al 1° trimestre 2013) mentre aumentano i lavori part time involontari (il 62,8% dei lavori a tempo parziale non lo sono per scelta del lavoratore).
Si riducono anche il lavoro a termine (-3,1%) e le collaborazioni (-5,5%).
Il calo dell'occupazione colpisce drammaticamente il meridione d'Italia (-2,8%) e riguarda prevalentemente gli uomini (-1,3%) rispetto alle donne (-0,5%).
Risultano inoltre più colpite le fasce giovanili: l'occupazione si riduce del 2,3% fra i  15 ed i 34 anni e dello 0, 8% tra i 35 ed i 49 anni, mentre aumenta dopo i 50 anni (+1%).

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.

Cercami (poesia)