Prova costume: parliamone!

"Mens sana in corpore sano" questo è una antica locuzione  latina (Giovenale) ma forse con origini ancora più arcaiche, perché sembra risalire allo stile educativo spartano ed è assolutamente attuale e vera ancora al giorno d'oggi.
Non mi si venga dunque ad infastidire con la storia che la prova costume sarebbe un argomento frivolo e non degno della nostra attenzione e riflessione: in realtà il nostro aspetto, come mi sembra di avere già rilevato altrove in questo blog, dice molto del nostro modo di vedere noi stessi ed anche di come noi ci sentiamo.
Una obesità molle e sciatta ad esempio dice che noi non ci vogliamo molto bene e di solito ci prendiamo poca cura di noi stessi, dal che si deduce che nutriamo una considerazione  piuttosto bassa della nostra stessa persona ... magari diamo importanza ad altre cose, ma non a noi.

Il fatto è che noi tendiamo a ricordarci del nostro corpo solo quando dobbiamo esporlo sulla spiaggia e quindi prevedibilmente esso sarà guardato e giudicato anche da altri, il che ovviamente indica che ci preoccupiamo più di quello che la gente pensa di noi anziché di ciò che noi siamo effettivamente.

Insomma chiunque di questi tempi abbia il problema della prova costume dovrebbe dedicarsi in primo luogo per qualche settimana ad un training autoassertivo.
Cosa sia un training autoassertivo ve lo spiegano, non senza ammantarlo di qualche magica ritualità ipnotica, tantissimi libri, libelli ed opuscoli, che per dirla in soldoni, si fondano essenzialmente sul potere dell'autosuggestione e sulle tecniche di motivazione basate su di una volontà ed una aspettativa positiva. Insomma voi dovete ripetervi diverse volte al giorno che siete dei/lle fighi/e irresistibili e, nel caso specifico della prova costume, le ritualità magiche che io suggerisco di associare sono primo l'esercizio di rotazione del capo da destra a sinistra e viceversa da compiersi almeno tre volte al giorno quando siete seduti a tavola davanti ai deliziosi manicaretti che lusingano la vostra gola e secondo un paio di orette quotidiane di flessioni, footing, bicicletta o altro da voi preferito.
Nel caso invece voi voleste optare per il restare comodamente seduti sul divano, allora potete sempre decidere che siete troppo intellettuali per dare importanza a cotali quisquilie e frivolezze e che quindi non ve ne importa nulla di esibire i rotolini flaccidi della vostra adipe, nel qual caso però, dovrete anche rassegnarvi all'idea che il/la vostra partner non farà altro che ammirare di sottecchi quelli/e meno intellettuali, ma più palestrati/e che inevitabilmente si bagneranno nelle vostre stesse acque.
Tant'è vero che il sangue non è acqua, come si dice.

In soccorso dei belli ma stupidi si pronunciò a suo tempo Oscar Wilde, sapete con quella storia che la bellezza è forma di genio, anzi superiore al genio in quanto non necessita di spiegazioni, mentre voi da intellettuali incalliti di spiegazioni dovrete darne parecchie, ma poi se in spiaggia vi lasciate soffiare sotto il naso l'amor vostro, non so quanti sarebbero disposti a   scommettere un centesimo sulla vostra intelligenza.
Comunque la scelta spetta a voi e nessuno può interferire.

Sarebbe tuttavia un errore pensare che il problema della prova costume ce l'hanno solo le persone in sovrappeso: in realtà anche quelle troppo magre, stile scheletri ambulanti risultano poco seducenti in costume da bagno. Chi è per qualsiasi motivo chiaramente denutrito, probabilmente sta già consumando i muscoli ed in questo caso l'esercizio e la tonificazione sono essenziali, oltre che una alimentazione sana e nutriente da protrarsi almeno per un mesetto, prima della esibizione pubblica di tibie e clavicole.

Naturalmente non è finita qui: voi potreste avere un perfetto peso forma con un accettabile indice di massa corporea, ma la vostra pelle potrebbe risultare asfittica, secca, rugosa, piena di smagliature e pelurie improprie: insomma bisogna pensarle proprio tutte!!
Sempre accompagnandolo col vostro convinto training autoassertivo, la vostra preparazione si avvarrà di massaggi ed idratazione cutanea, oltre che della solita attività fisica, eventualmente mirata a restituire elasticità ad alcuni distretti.
Anche in questo caso potete  sempre decidere di infischiarvene: per dirla con Totò, le rughe, come i capelli bianchi, sono segno di distinzione e garanzia di serietà ... e se ci credete voi nessuno oserà contraddirvi!
Buone vacanze a tutti!



Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

L’ombra di Peter Pan

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

A proposito di blog