Il cielo stanotte: superluna e stelle cadenti!

Tutti gli animi romantici ed amanti della misteriosa bellezza della natura notturna avranno di che deliziarsi questa sera: ricorre oggi infatti per  tradizione la notte di San Lorenzo, quella delle stelle cadenti, ma  le stelle quest'anno non saranno le sole a movimentare la notte: avremo infatti anche una luna particolarmente luminosa, una superluna, vale a dire una  luna piena al perigeo, nella sua fase più vicina alla terra e tale quindi da apparire più grande e più luminosa del solito.
Insomma vedremo un cielo forse  troppo chiaro per riuscire a godere della tradizionale pioggia di meteore o forse no: magari con un pochino di fortuna ce la faremo ad ammirare sia la luna che le stelle.
La pioggia di meteore sono le cosiddette Perseidi, che in questo periodo dell'anno segnano i nostri cieli di quelle luminose tracce di speranza affidate ad un pensiero segreto, un desiderio fugace che si consuma dinanzi ai nostri occhi in un baleno, appena il tempo di una emozione non espressa in alcuna struttura verbale.

Tutti coloro che ci hanno provato sanno quanto sia difficile infatti formulare mentalmente un desiderio prima che la scia luminosa sparisca e tutti sanno che invece è proprio questo che la tradizionale leggenda richiede affinché il desiderio si avveri!

In realtà le stelle cadenti sono frequenti per alcuni giorni e l'acme quest'anno dovrebbe essere un pò  ritardato, per il fenomeno di precessione degli equinozi, (di cui vi ho già parlato ad inizio primavera) del resto anche la super luna brillerà nel cielo notturno per qualche giorno perciò se proprio non riuscissimo a vedere una stella cadente, il firmamento ci offrirà comunque uno spettacolo degno della nostra commozione.

Quest'anno sembra che la più fitta pioggia di meteore sia attesa per il 12 agosto, precisamente durante la notte tra il 12 ed il 13 agosto, ma continueremo a vederne nel cielo ancora per tutta  la prima metà del mese.
Quanto alla luna, la sua eccezionale luminosità durerà per alcuni giorni:  insomma le prossime notti conviene trascorrerle in spiaggia col naso all'insù: se non avete spiagge nelle vicinanze adattatevi ad una collinetta o comunque un luogo dominato dalla natura. La predisposizione dell'animo che si crea in un luogo naturale è il terreno ideale per cogliere gli attimi infuocati e lucenti donati dai cieli d'estate.

La tradizione cristiana vuole che le stelle cadenti rappresentino le lacrime di San Lorenzo nell'anniversario del suo martirio, il 10 agosto appunto: il santo fu bruciato vivo su di una graticola e le scie di fuoco nel cielo ne simbolizzano il dolore sofferto, un pianto ricorrente che ogni anno il cielo riproduce.

OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Il marchio di Caino (poesia)

L’ombra di Peter Pan