Immagini del tempo libero di una strana estate



In questo blog (ma non soltanto nel blog) ho sempre privilegiato le parole come strumento di comunicazione, non che non apprezzi anche le immagini: spesso ne ho proposte anche di mie personali, benché il più delle volte mi sia limitata a sceglierne alcune dalla rete.
Bene questa sera proverò a fare qualcosa di nuovo e vi racconterò storie di tempo libero e di luoghi che nella loro sequenza rappresentano un pezzetto di percorso e lo farò esclusivamente attraverso immagini rigorosamente mie: non sono un granché di fotografa e non dispongo di grandi attrezzature, quindi non cominciate subito a lamentarvi!

Una delle prime cose che faccio al mattino è guardare il mare dal terrazzo di casa:  di mattina presto guardo se vi sono le barche dei pescatori.
Se il tempo è bello (il che non sempre è avvenuto durante questa estate) si può scendere in spiaggia: la sabbia qui è nera e ferrosa ed una volta veniva considerata utile per le cosiddette "sabbiature" praticamente ci si seppelliva sotto la sabbia bollente lasciando fuori solo la testa.
Sono ricordi d'infanzia ed oggi non saprei neanche dire a cosa realmente servissero queste sabbiature, ma presumo per i dolori ossei ed articolari.
La migliore passeggiata è quella che si fa al pomeriggio inoltrato sul lungomare o al porto, dove potete gironzolare e mangiare queste cose tremende come pannocchie bollite o arrostite o anche il "cuoppo" che sarebbe una fritturina di calamari, trigliette e gamberetti, uno street food locale, praticamente, non saprei dire quanto salutare (trattandosi di fritti) ma certamente gustosissimo per chi non ha particolari problemi!
 Naturalmente si può sempre optare per i gelati o altri prodotti non fritti, ma pur sempre ipercalorici.
 Questa sarebbe una veduta dal porto da una delle tante prospettive possibili.
Naturalmente durante il periodo estivo, si approfitta del tempo libero per spostarsi e visitare altri luoghi, un pò dove capita: l'importante è rompere la routine ed arricchirsi di nuove conoscenze.
Quest'anno, visto che da ogni parte si continua a parlare dei grandi benefici connessi con l'abitudine a camminare molto, ma visto anche che già si vive in una località balneare, la scelta è andata alle visite di città con lunghi giri per strade piazze e musei: in altre parole il vero riposo comincia quando sono finite le vacanze ufficiali, per così dire!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola