Il canto della sirena (poesia)

Pensierosa costeggiavo la riva all'imbrunire. 
Il sole raccoglieva i suoi raggi sulla linea dell'orizzonte, attraendoli nella sua aura di fuoco, che si andava rimpicciolendo sempre più, inghiottita dall'acqua: una striscia di rosso vivida e sottile, avanzando nello specchio del mare, si tuffò nel mio petto e fu allora che ne udii la voce, come un richiamo incantato dalla profondità delle acque ...


Il canto della sirena


Anch'io amai 
il suo canto: 
sopito, tace l'affanno  
e ne segue la traccia. 
Si espande nell'aria 
vibrazione ipnotica, 
condensata in cristalli. 

Caduta di ombre
sguscianti nella rete.
Chiaroscuri baritonali
dissolti sullo sfondo.

Melodie vocali
di urla modulate
ondeggianti
come il sospiro 
del vento nel canneto.

E cadde il vento
per restare in ascolto
ed io fermai il respiro.

Commenti

  1. Ed io fermai il respiro....
    ... in attesa del domani che verrà. Del giorno che risorge. Della speranza che non può morire.
    Bellissima! Brava Clara!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari