La palude (poesia)

I maledetti ed i dannati, il buio dell'umano, come creature inconsapevoli, che non hanno assaggiato il frutto proibito e non conoscono la luce, ma solo la penombra misteriosa, sotto la fitta vegetazione del sottobosco, solo i fanghi infidi e scivolosi della palude e si muovono affidati agli aliti d'aria:  ad essi si svela un segreto della vita che il sole non è mai riuscito a carpire. A loro in un percorso contorto e morboso corre la fantasia, di loro si narra in mille libri, ma  esistono strade senza memoria. 





La palude

Spiriti dannati 
ed innocenti 
spersi nella palude,  
incedono ignari 
e non sanno.

Sono nel respiro 
greve dell'aria, 
nello stupore
celato 
di vita brulicante,
come incubati
nel ventre
della stessa terra
che li inghiotte.

Echeggiando 
una voce
senza risonanze,
seguono la traccia
fino al precipizio
e fino al cielo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan