Plastic Pelagos: caccia alla plastica nel Mediterraneo

La missione Plastic Pelagos è una iniziativa organizzata dall'ISPRA, dalla Università di Siena e dal consorzio LaMMA mirato a studiare l'inquinamento da materiale plastico nel Mediterraneo.
L'itinerario previsto per la nave oceanografica Astrea dopo la partenza da Livorno, coinvolgerà le aree di Genova, La Spezia, San Remo, Asinara, Elba e Capraia, con ritorno previsto a Livorno per il 18 settembre p.v.

Nel corso della navigazione verranno raccolti campioni di acque per valutare la presenza di microplastiche ed il loro impatto sui sistemi di vita marini. La  selezione dei punti di campionamento, effettuata con la collaborazione del LeMMA, terrà conto delle correnti e quindi della definizione delle zone in cui si sospetta una maggiore concentrazione delle microplastiche.

L'impatto ambientale di questi inquinanti si ritiene grave con potenzialità di danni elevati agli equilibri ambientali ed alla vita degli organismi viventi nelle acque del mare.

Uno degli intenti della spedizione è anche quello di sensibilizzare l'opinione pubblica e gli operatori turistici ed industriali sulla problematica dell'inquinamento da plastica.
Domani, il 9 settembre si terrà un incontro presso l'acquario di Genova durante il quale verranno appunto illustrati gli obiettivi della missione.

Commenti

  1. Felice di questa iniziativa perchè tocca pure la mia Liguria..
    Il degrado ambientale è devastante!
    Bacio!

    RispondiElimina
  2. Felice di questa iniziativa perchè tocca pure la mia Liguria..
    Il degrado ambientale è devastante!
    Bacio!

    RispondiElimina
  3. Spero che serva effettivamente ad ottenere una riduzione delle abitudini inquinanti di persone ed aziende ... Buona notte Nella. Grazie! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola