Quattro operai morti a Rovigo

Di ieri la notizia dei quattro operai morti per le esalazioni tossiche di una cisterna che stavano pulendo nello stabilimento per smaltimento di rifiuti,  Ca'Emo ad Adria  in provincia di Rovigo.
Gli operai non indossavano maschere protettive e sembra che il gas tossico si sia prodotto perché è stato usato acido solforico per ripulire una vasca dove erano presenti residui di ammoniaca: sono comunque in corso indagini di polizia per accertare le probabili responsabilità legate alla carente adozione di misure di sicurezza sul posto di lavoro. L'ipotesi di reato sarebbe omicidio colposo plurimo.
Si tratta di Nicolò Bellati, 28 anni, Paolo Valesella, 53 anni, Marco Berti e Giuseppe Valdan entrambi di 47 anni. Un altro operaio di 41 anni versa in gravi condizioni in ospedale.

Unanime il cordoglio da parte di tutte le figure istituzionali: lutto cittadino ad Adria, condoglianze dal presidente della Repubblica, contrizione del governatore della Regione Veneto, Zaia.

Mentre si discute di lavoro ed articolo 18, tutele o non tutele dei lavoratori, fatto sta che di lavoro si continua a morire drammaticamente: ieri è stata una giornata nera, ma non l'unica.

Secondo la informativa dell'osservatorio indipendente di Bologna morti sul lavoro dall'inizio di quest'anno sono morte a causa di lavoro 471 persone, circa il 6,8% in più rispetto al corrispondente periodo del 2013 e questo malgrado il grafico dell'occupazione sia già da tempo in discesa: diminuiscono gli occupati ed aumentano i morti. 

Al momento il primato per il numero di morti bianche nel 2014 va alla Lombardia che conta 48 caduti sul posto di lavoro,  45 in Veneto, 40 in Piemonte, 40 in Emilia, 36 in Lazio, 30 in Campania, 21 in Toscana e seguono con numeri discendenti le altre regioni.
471 dall'inizio dell'anno fino ad ora sono i morti sul posto di lavoro: a questi andrebbero aggiunti i morti in itinere, quelli che risultano morti in incidenti stradali, ma la cui attività richiede spostamenti e che perciò di fatto stavano lavorando al momento dell'incidente. La stima minima complessiva ne risulta pressoché raddoppiata. I settori con maggiore rischio sono:

  • Agricoltura, 42%
  • Edilizia, 23,6%
  • Industria, 9,2%
  • Autotrasporti, 6,2%
nell'11,25% dei casi si tratta di stranieri, nel 29% dei casi sono lavoratori di età superiore ai 60 anni.

In questi tempi di crisi e di disoccupazione chi ha un lavoro si considera già fortunato: riesce a garantire il necessario a sé ed alla propria famiglia ed a conservare la propria dignità. Non sono questi tempi in cui si possa rifiutare un lavoro, né discutere o contrattarne le condizioni ed ancor meno lamentarsi (si rischia querela per diffamazione) bisogna lavorare in qualsiasi condizione, tacere per conservare almeno agli occhi dei propri cari una dignità che in troppi casi può costare la vita.





Commenti

  1. Che vergogna! Poveri quelli che ci hanno lasciato la pelle per dare da mangiare alla propria famiglia. Queste persone non saranno mai pagate abbastanza.

    RispondiElimina
  2. Ciao Gabrielle: la vita non si paga, ne abbiamo una soltanto, però c'è gente che le vite degli altri le compra e ne fa ciò che vuole. In questo nostro mondo esiste ancora la schiavitù per debiti: non solo le armi sottomettono ed uccidono, ma anche il denaro.
    Una vergogna, si! l'ammoniaca NH3 e l'acido solforico H2SO4 ma non so ci voleva il carbonio C metano o qualcosa che contenesse carbonio per fare l'HCN il cianuro, ma forse sarà stato qualche altro gas: una morte così istantanea è pazzesco.
    A proposito attenzione con i disgorganti degli scarichi domestici: leggere le etichette e non mescolare mai ad altre sostanze ...
    Quando uno fa una pulizia così in uno stabilimento deve essere attrezzato di maschera, non c'è da scherzare :-( Poveretti!

    RispondiElimina
  3. Ciao Gabrielle: la vita non si paga, ne abbiamo una soltanto, però c'è gente che le vite degli altri le compra e ne fa ciò che vuole. In questo nostro mondo esiste ancora la schiavitù per debiti: non solo le armi sottomettono ed uccidono, ma anche il denaro.
    Una vergogna, si! l'ammoniaca NH3 e l'acido solforico H2SO4 ma non so ci voleva il carbonio C metano o qualcosa che contenesse carbonio per fare l'HCN il cianuro, ma forse sarà stato qualche altro gas: una morte così istantanea è pazzesco.
    A proposito attenzione con i disgorganti degli scarichi domestici: leggere le etichette e non mescolare mai ad altre sostanze ...
    Quando uno fa una pulizia così in uno stabilimento deve essere attrezzato di maschera, non c'è da scherzare :-( Poveretti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari