Il volo del gabbiano

Le cose tanto piccole, come una manciata di sogni e fantastiche speranze, lanciate inermi fuori dalla culla dell'animo che le ha sentite ed inventato per loro il viatico del sottile guscio d'amore che le accompagna, periscono talvolta ignorate dal mondo. 
Eppure accade, forse per puro caso o forse per divina magia, che alcuna incontri una terra fertile ed un sole caldo e carezzevole fino a germogliarne, fino alla pulsazione vitale che riproduce l'onda di speranza. 




Il volo del gabbiano

Semi dispersi al vento 
nella rigogliosa 
speranza di un pensiero.
Sospensioni d'attesa 
galleggiano in aria, 
aspirando  tumuli 
odore acre
di gabbiani rapaci.

Di maestosa bellezza 
al  dispiegarsi d'ali, 
ignora 
il pulviscolo dell'aria, 
guardingo e candido 
il gabbiano. 

In picchiata alla  preda 
mulinelli impazziti
a schizzare lontano
chi affoga e chi langue:
miseri semi al vento.

Poi passa:
polvere iridescente
posa allo scoglio
arido sasso,
umida zolla.

Qualcosa 
sempre muore,
seduce il sole
e lo accompagna
al fondo.

Qualcosa fugge
accolto dalla terra,
arbusto tenace
e il gabbiano vi posa
ed ama, 
ignorandone il sogno. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

L'altalena (poesia)

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: domani 25 novembre

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Il cielo stellato (poesia)