Solitudine virtuale ed altre amenità

Lo sbaglio è stato quello di credere che il computer ed internet fossero un gioco: l'imprinting, difficilmente eliminabile d'altro canto, nella gente della mia età è dovuto al fatto che noi questi aggeggi infernali li abbiamo acquistati inizialmente come il gioco del bambino, nostro figlio si capisce, l'intendo, la play station, il pc e poi la connessione internet.
Li abbiamo considerati giochi molto prima di sapere cosa fossero effettivamente e di cosa si trattasse: quando ci siamo accorti che il bambino con quel gioco comunicava, ci siamo allertati e con l'indice dritto, perpendicolare alla tastiera, da buoni genitori, ci siamo creati i profili nei social per tenere d'occhio i nostri pargoletti on line.

Ci sembrava una roba puerile con le faccine emoticon (deliziose!) e lì per adattarci al clima, abbiamo liberato nel web qualche granello della nostra anima bambina sedimentato da millenni nel nostro sottosuolo personale, più che le memorie, l'oblio del nostro sottosuolo.
Non è detto che questo sia un male: dipende anche da che bambini siamo stati, ce ne sono certi pestiferi e va riconosciuto, ma quelli non si sopportano neanche se sono travestiti da adulti in doppio petto.

Ci siamo poi accorti a tempo debito, che in internet si fa altro che giocare, ma anche se giocate, la vostra frequenza di connessione al server è fonte di  guadagno per qualcuno: qualunque cosa voi facciate in rete, potete star tranquilli che qualcuno ci guadagna, in effetti internet è anche o soprattutto uno strumento di lavoro per moltissime persone.
I vostri dati personali, il vostro carattere, le vostre preferenze: tutto è facilmente deducibile dalle vostre interazioni in rete e tutto rimane indelebile, un tesoro per le agenzie di marketing.

Nulla si crea, ma soprattutto nulla si distrugge: nel migliore dei casi andrà perduto nel ciarpame, ma non si distrugge. Voi incrollabili, decidete di infischiarvene: non avete nulla da nascondere o di cui vergognarvi, siete sì (ammettetelo) un tipo un pò ombroso e bizzarro, ma questo già era risaputo, prima lo sapevano in cento, adesso lo sanno in mille, ma la cosa non cambia nulla nella economia del vostro quotidiano.

E sia! Però poi inevitabilmente entrate nel monitor e cominciate a chiacchierare con la gente, cioè con le anime vaganti come fuochi fatui che appaiono e scompaiono in silenzio e delle quali non sapete  nulla in realtà,  se non quello che in qualche misura rispecchiate nella vostra proiezione fantastica: nessuna cosa come il monitor somiglia ad uno specchio.

Le delusioni saranno inevitabili: fanno parte del gioco, la realtà è sfuggente nel mondo virtuale, le persone sono meteore. In ogni momento dovete essere consapevoli di essere soli davanti al monitor e se la cosa non vi piace uscite a prendere un pò d'aria.

Commenti

  1. Ih ih ih, ke kattiva!
    Bella riflessione, mi è piaciuta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano, grazie! Ti sembro cattiva? Ci sono andata leggerissima ;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

L’ombra di Peter Pan