La mia disavventura con la pasta sfoglia (ricetta? Forse...)

Tutto è cominciato una ventina di giorni fa (ma tranquillizzatevi, cari amici: non saranno necessari 20 giorni per preparare la pasta sfoglia) come dicevo: 20 giorni fa in occasione di una ricorrenza per la quale ho preparato una splendida torta con base in pan di spagna (che sarebbe il mio punto di forza) un mio stretto congiunto destinatario di quel ben di Dio, in pedissequa ottemperanza ai canoni tradizionali per i quali l'uomo (sempre lui) non è mai contento, mi disse garbatamente con sorriso celestiale:
- Potevi farla anche con la sfoglia... -

Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, una simile interlocuzione è massicciamente vessatoria e colpevolizzante in quanto sottende:
- Non oserei chiedertelo (tanto sei cattiva e bisbetica) ma quanto mi piacerebbe (me tapino)! -

Avendo strenuamente resistito ai sensi di colpa per 20 giorni, ecco che sopravviene per me il colpo di grazia! Un mio, diciamo, amico (ecco a cosa servono gli amici) mi domanda:
- Domenica la fai la ricetta della torta? -
E così alla fine sono crollata! - Va bene - dico - farò la torta di pasta sfoglia, me l'ha già chiesta qualcun altro... -
Insomma non sono d'acciaio... ed anche stavolta mi hanno fregata.
Vi confesso che a me la pasta sfoglia piace tantissimo sia nei rustici che nei dolci, ma oggi è la prima volta in vita mia che mi sono cimentata nella preparazione, perché si tratta di una ricetta che richiede una certa pazienza e perizia e la pazienza al contrario del pan di spagna, sembra che non sia uno dei miei punti di forza. Fatta questa premessa, proseguiamo.
Per prima cosa ho aperto il quadernetto delle ricette della mamma (lei si che sapeva fare tutto) ed alla voce pasta sfoglia trovo scritto testualmente:

- 500 gr. di farina, 250 gr. di margarina, latte q.b.
Si impasta la farina solo con il latte, l'impasto si stende col mattarello quindi lo si spalma con la margarina. La sfoglia spalmata si ripiega in due  e quindi si ridistende e si rispalma, ripetendo l'operazione fino ad esaurimento della margarina, mediamente per almeno 20 volte.

Fino ad esaurimento e basta, dico io! E va bene: siccome però la trasgressione è intrigante in generale ed in cucina in particolare, io ho aggiunto un cucchiaio da tavola di zucchero, un pizzico di sale ed una mezza bustina di lievito in polvere... Forse ho sbagliato, ma... ora vi spiego: ho impastato la farina col latte etc, etc, ma a furia di spalmare strati, l'impasto diventa troppo molle e tende a spappolarsi, sicché ho dovuto anche rispolverare di farina i vari strati per continuare a stenderli, perciò di farina ne avrò consumata più di mezzo chilo, comunque l'ho fatto.
Ho tagliato tre quadrati da cuocere a forno, programmando poi la farcitura in tre strati.
Ciascun pezzo è stato cotto a parte in una teglia imburrata ed infarinata.
Ho pensato  di preparare una crema di caffé, poi montare la panna ed infine usare una crema di nocciola già pronta (per carità!).
La crema di caffè l'ho preparata con la solita ricetta: due cucchiai di farina, quattro di zucchero due uova intere, tre tazzine di caffè ristretto, latte q.b. e due cubetti di cioccolato fondente, prima amalgamare poi mescolare cuocendo a fuoco lento finché la crema si addensi.
Ho montato una bustina di panna e poi ho farcito così: ogni pezzo di pasta sfoglia è stata spalmata di crema di nocciola, su questa ho messo la crema di caffè e giunta all'ultimo strato ho decorato con biscottini di pasta sfoglia a stellina (ottenuti dagli avanzi) crema caffè e fiocchi di panna. Conservare rigorosamente in frigo!
Se volete prepararla... buona merenda!!

Commenti

  1. Temeraria...io non ho ancora avuto il coraggio di cimentarmi con la pasta sfoglia...Complomenti per il coraggio,ed anche per la torta!
    Mi sono unita con piacere ai tuoi followers,se ti va passa da me.
    Mara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in effetti hai ragione... devo perfezionarmi e passerò da te per documentarmi a dovere. :-)

      Elimina
  2. Mitica tu e il dolce!!!!!!! Un struccon notte bellissima !!!!! Ardita la donzella
    🙋🙋🙋👍👍👍👍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah è venuta leggermente biscottata la sfoglia: non è così che deve venire, Marzia: farò di meglio, ora che ho cominciato mi fermerò alla perfezione... :-D
      Buona giornata a te.

      Elimina
  3. Sei bravissima Clara!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Fregatene di qualunque commento che non sia positivo!
    Io però, se ne ho bisogno continuerò a comperarla.... no no!!!!! E' tanto comoda!!!!!!!!!!!!!!! :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua si chiama saggezza :-D ciao Patricia!!

      Elimina
  4. Ciao Clara non ho così tanta pazienza.io :-))) Con certe cose in cucina non vado d'accordo.Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cucina (se ha voglia) è un'arte, ma come per ogni arte, ci vuole ispirazione... per lo più comprare le cose già fatte si risparmia tempo e non si corre il rischio di insuccessi, ma ogni tanto... Buona serata Carolina, grazie!

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il bambino epilettico a scuola

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche