Abbracciarsi fa bene alla salute

Che il benessere psichico sia salutare non è una nuova scoperta, però in passato si è studiato soprattutto l'effetto negativo dello stess sullo stato di salute generale e sull'incidenza di alcuni disturbi somatici, tra i quali soprattutto quelli del sistema cardiocircolatorio. 
Molto meno studiato invece fino ad oggi l'effetto benefico della serenità,  del benessere e soprattutto delle diverse forme di espansività affettive, come gli abbracci ed i baci: a questo riguardo comunque qualcosa ha cominciato finalmente a muoversi.
 
Nello scorso settembre si è parlato degli effetti benefici di una rete di supporto sociale sui disturbi cardiaci ed oggi è la volta del raffreddore: fino ad ora abbiamo sempre creduto che in periodi di epidemie influenzali e malattie da raffreddamento sia meglio evitare troppi contatti fisici in modo da prevenire le eventualità di contagiarsi con qualche virus, ma una recente ricerca condotta da Sheldon Cohen e pubblicata sulla rivista Psychological Science va in senso inverso: sono stati studiati 404 adulti sani per i quali è stata valutata la percezione soggettiva del supporto sociale ricevuto. 

La valutazione dei vissuti relativi al sostegno ed all'accoglienza sociale è stata effettuata attraverso un questionario. Il dato oggettivabile che è stato utilizzato nell'indagine consisteva nella quantificazione del numero di abbracci ricevuti.  

Le interviste ai probandi sono state realizzate quotidianamente per due settimane, quindi tutti i partecipanti allo studio sono stati esposti ad un virus che causa un banale raffreddore, dopodiché  sono stati osservati tutti in quarantena per monitorare la comparsa e l'andamento dei sintomi da raffreddamento: secondo i ricercatori il vissuto sociale positivo ed un buon numero di abbracci ha funzionato da protezione contro i sintomi dell'infezione incidendo per il 32% dell'effetto attenuante.
L'infezione nei soggetti con la percezione di un positivo supporto sociale si manifestava con minore probabilità e quando si manifestava spesso i sintomi risultavano comunque attenuati.
Gli abbracci, attraverso i quali passano comunque microrganismi, stimolano le difese immunitarie.
Secondo i ricercatori:

"These data suggest that hugging may effectively convey social support."

Comunque sia, se avete trascorso due settimane ad abbracciarvi, è molto probabile che abbiate già sviluppato gli anticorpi contro tutti i virus che circolano nel periodo invernale, non necessariamente manifestando disturbi sintomatici, ma soprattutto avrete trascorso due settimane molto piacevoli e vi sentirete in magnifica forma per affrontare da vincenti qualsiasi disturbo di stagione.




Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Uguali, simili e diversi: quando l'integrazione è un percorso di crescita

Prevenire le malattie genetiche: il discusso progetto britannico

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il canto del contadino (poesia)