VITE PRECARIE



A proposito di crisi e precari ecco un doccione, ovvero l'incarnazione in architettura del precario. Citando Wikipedia:

"Il doccione è la parte finale del tubo o canale di scarico esterno di una grondaia. Ha lo scopo di canalizzare il deflusso dell'acqua piovana accumulata nelle gronde o sui tetti impedendo che questa, scorrendo lungo i muri li danneggi o penetri nelle fondazioni"...

Così precario eppure così utile, o anche utile proprio perché in quella posizione da "aiuto cado!!"


Commenti

  1. Sicché tu pensi che i precari siano utili? Può anche darsi, ma la domanda è: utili a chi? Non a se stessi, visto che preferiscono emigrare alla fine.... grazie Patty, notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro non a se stessi! Ma proprio come i doccioni con le loro attivitài evitano che le cose si deteriorino ma anzi le manda avanti. Ciò non toglie che il lavoro precario sia per lo più un modo di togliere garanzie e dignità ai lavoratori.

      Elimina
    2. Anche questo è (purtroppo) curiosamente vero: spesso i precari mandano avanti interi servizi, diversamente da chi usa disonestamente le garanzie trincerandosi dietro mansionari e malattie. Anche a causa di persone di questo genere oggi le garanzie vengono negate a tutti, benché sia da dire che quelli che ritengono di avere acquisito una rendita vitalizia e non un lavoro, di solito sono coloro che si sentono e sono protetti politicamente ed a suo tempo sono stati assunti clientelarmente: insomma per colpa della mala politica pagano i lavoratori, sempre la stessa storia :-(

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il primo appuntamento

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Il cielo stellato (poesia)

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia

Il canto del dio del fiume (poesia)