Scherzi della memoria


Quando sopravviene la senescenza delle nostre menti, la prima cosa ad essere compromessa è la memoria ed innanzitutto la cosiddetta memoria di fissazione, quella che riguarda i fatti e le informazioni acquisite di recente, mentre viene preservata la memoria remota, quella delle vecchie storie e delle informazioni incamerate in giovane età, che resiste di solito anche parecchio più a lungo alla destrutturazione progressiva della mente umana in senilità.
Oggi io mi domando se un fenomeno così specifico ed individuale possa presentarsi anche come fenomeno collettivo: è certo che l'umanità va invecchiando e l'età media della gente va gradualmente crescendo, mentre si riduce la natalità... e la memoria si ferma ai fatti emersi il 27 gennaio del 1945, ma avvenuti soprattutto prima di quella data: parliamo di 70 anni fa, ma tutti continuano a ripetere che è importante ricordare perché questo non avvenga "mai più".

MAI PIU'
  • 9 aprile 1948: il massacro di Deir Yassin in Palestina (appena 3 anni dopo, già si nota la disfunzione della memoria recente)
  • 18 settembre 1982: il massacro di Sabra e Shatila ripropone la ferocia del genocidio.
  • 27 dicembre 2008: operazione cosiddetta "piombo fuso", la Palestina viene rasa al suolo dai bombardamenti.
  • 14 novembre 2012: operazione "colonna di nuvola", come sopra.
  • 8 luglio 2014: operazione "protective edge", come sopra, con circa 2.200 morti di cui almeno 600 bambini, stando alle cifre ufficiali dell'occidente, 11.000 feriti, il paese distrutto, il popolo senza tetto sembra stia in questi giorni continuando a morire di freddo. Sequestrati entro i confini, perché non possono circolare liberamente, nè allontanarsi via mare...
In tutti gli intervalli  questa gente sono normalmente sequestrati nella striscia di terra, privati di risorse alimentari ed idriche, con le case periodicamente rase al suolo ed ovviamente in balia di qualunque arbitrio per la colpa di appartenere alla propria etnia.

Non mi soffermerò oggi sui numerosi altri genocidi remoti e recenti, che sono avvenuti ed avvengono sulla superficie del nostro pianeta, benché allenare la memoria aiuti a tenersi giovani.
Per oggi mi limito solo a questo per legittimare il mio interrogativo:

  • ma questo "mai più" per chi vale?



Commenti

Post popolari in questo blog

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola