Attenzione alla rabbia: è un veleno cardiotossico

A dire il vero non si tratta di una novità: è abituale infatti per i cardiopatici o gli infartuati recenti sentirsi raccomandare dal proprio specialista di fiducia di evitare lo stress e le emozioni intense. Quella che andiamo a presentare ora è una ricerca australiana condotta presso l'Università di Sydney da Thomas Buckley, Goeffry H Tofler et al. pubblicata oggi sull'European Heart Journal: gli autori hanno dimostrato che il rischio di infarto miocardico nelle due ore successive ad un accesso di collera è superiore di ben 8,5 volte rispetto al normale.
L'aspetto interessante del lavoro sta nell'avere messo a fuoco il fatto che l'effetto cardiotossico della rabbia non si limita agli istanti di emozione violenta, ma appunto si protrae per alcune ore dopo il ritorno alla calma.
Per lo studio sono stati reclutati 313 partecipanti ai quali è stato chiesto di riferire la frequenza degli episodi di collera nelle 48 ore precedenti l'attacco cardiaco e l'analisi dei dati ha rivelato che l'esposizione ad una violenta emozione di rabbia nelle 2 ore precedenti l'attacco comportava un aumento del rischio infartuale di 8,5 volte rispetto a quello di altri momenti.
La rabbia è stata quantificata come pari o superiore a 5 in una scala da 1 a 7 e corrisponde ad un accesso violento, mentre al di sotto di questa soglia di intensità, l'emozione non sembra avere particolari ricadute sulla salute cardiaca.
Allo stesso modo agiscono anche gli stati di ansia acuta, secondo quanto dimostrato in questo studio: elevati livelli di ansia sono stati associati con un rischio di 9,5 volte maggiore per un attacco cardiaco.
In effetti questo tipo di ricerca riveste un certo rilievo soprattutto se utilizzata per la prevenzione tanto dello stress che della collera nei soggetti a rischio cardiaco, prevenzione che può essere preordinata anche con semplici provvedimenti di tipo ambientale.

Commenti

  1. […] Medicina Tradizionale Cinese il fegato é associato alla rabbia e nell’ayurveda é associato all’elemento fuoco tipico del dosha […]

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Dalla parte dei bambini

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Qualcosa di dolce per la buona domenica: torta di crema