Il clochard (poesia)

Quando capita di vedere qualcosa di insolito, fantastico e terribilmente romantico, basta un'occhiata per capire e cogliere il nocciolo di una vita.
Meglio non pensare, quando la pioggia batte sui vetri a chi non torna ad un giaciglio caldo e trema fin nelle ossa il dolore lancinante del gelo.
Eppure dentro gli stracci batte un cuore più grande non solo del mio.



IL CLOCHARD

Tempesta funambola inoltrata nella notte,
odore di brividi bagnati.
Occhi lucidi incappottati
al buio nel tumulto dell'acqua.
Dimmi chi sei,
chinato il capo,
estrai le note
da un archetto strisciante
sul tuo violino scordato.
Perché esposto alla strada
ti inventi melodie incantate
che stridono dolcemente
nel sommesso lamento.
Sotto la tettoia
battuta dal vento,
quel bus che non arriva
e tu
a raccogliere
i fiori degli sguardi
passati.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Uguali, simili e diversi: quando l'integrazione è un percorso di crescita

Prevenire le malattie genetiche: il discusso progetto britannico

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il canto del contadino (poesia)