La sera (poesia)

Versi dimenticati in fondo ad un cassetto, impolverati, forse inutili... eppure ancora il respiro di un istante d'emozione...






La sera


Vapore fresco di pensieri
  nell'oceano silenzioso della sera,
luccichio distante di piccoli luoghi,
  dove s'ama, si soffre,
 si dorme o si uccide.
                                                                                  
E la strada deserta
che scandisce il rumore d'ogni rado
passante, ogni tanto uno scroscio
  o una voce.

Si esce o si torna e si parte,
 qualche luce si spegne,
 qualche luce rimane ed aspetta,
qualche sogno si schiude e respira,
desiderio sbocciato in speranza
e speranza fluita in preghiera.


Commenti

  1. Risposte
    1. Un macello Marzia... altro che spolverata :-D ma va bene così: bisognava catalogare... un bacio e buona notte!

      Elimina
  2. Una serie di immagini che si diluiscono nel l'abbraccio calmo e riposante della notte, dove le ombre della sera sono le coperte che si stendono sui pensieri del giorno. Bello!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)

Il bambino epilettico a scuola