Spaghetti con gamberi e calamari (ricetta)

Dovevate aspettarvelo: prima o poi torna la domenica e tutti fanno festa, tranne coloro che devono provvedere ai generi di conforto per tutti quelli che fanno festa, insomma il servizio di ristorazione, intendo: quello che ci compete nella fattispecie.
Naturalmente ciascuno di voi sarà ben felice di preparare qualcosa di così delizioso da trasmettere a chiare lettere il calore della vostra accoglienza, attenzione e cura per i festaioli: il messaggio è che avete a cuore il loro benessere ed è esattamente quello che desideriamo venga percepito.

Insomma diciamolo con un piatto! Un primo piatto in questo caso.
Oggi portiamo in tavola i sapori del mare e prepariamo un primo che ai classici frutti di mare sostituisce gamberi e calamari: in effetti sarebbero spaghetti con i gamberi, ma ho sperimentato che riescono molto più saporiti se aggiungiamo i tentacoli dei calamari (riserviamo le teste per gli anellini della frittura). Procediamo dunque alla preparazione del sugo.

Per 4 persone direi che possono bastare:

  • mezzo kg. di gamberi (non ve li fate sgusciare: il meglio del sapore sta nell'essenza delle teste)
  • un paio di calamari
  • olio extravergine di oliva
  • aglio: uno spicchio
  • un paio di gambi di prezzemolo fresco
  • un mezzo kg di pomodorini freschi
  • peperoncino rosso piccante
Allora io procedo in questo modo: metto prima a cuocere i gamberi in un tegame col fondo coperto da olio extravergine di oliva. Il tegame va coperto e la cottura non dura che 10-15 minuti al massimo, poi li togliamo dal fuoco. Prima di cominciare a pulire i gamberi mettiamo sul fuoco un altro tegame sempre col fondo coperto di olio extravergine dove porremo i tentacoli puliti,lavati ed un pò tagliuzzati dei calamari, appena rosolati aggiungiamo il pomodoro fresco, lavato e privato dei semi, poi lasciamo cuocere per una mezz'oretta. Nel frattempo sgusciamo i gamberi, tenendo da parte le teste, qualcuno dei gamberi che ci sembrano più belli e grossi possiamo lasciarli interi per decorare i piatti, gli altri li sgusciamo tutti. Le teste possiamo schiacciarle usando uno schiacciapatate: ne uscirà un sugo denso che uniremo a quello dei gamberetti. 
Quando il pomodoro nell'altro tegame è cotto vi aggiungiamo i gamberi col loro sugo, aglio e prezzemolo tritato e peperoncino, copriamo e lasciamo giusto il tempo di insaporire, spegniamo e lasciamo coperto.
Ora dobbiamo solo far bollire l'acqua per la pasta: l'acqua deve essere abbondante e va normalmente salata. La pasta va dallo spaghetto al tagliolino, non molto oltre: quando è pronta la passiamo nel colapasta e la condiamo col nostro sugo.
Buon appetito e buona domenica...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Uguali, simili e diversi: quando l'integrazione è un percorso di crescita

Prevenire le malattie genetiche: il discusso progetto britannico

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il canto del contadino (poesia)