Il doodle di Google per Gabriella Mistral

Oggi Google celebra con un doodle dedicato Gabriela Mistral nel 126° anniversario della sua nascita: era una poetessa di nazionalità cilena, la prima donna dell'America latina che ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1945. Gabriela Mistral non era che uno pseudonimo: si chiamava Lucila de Maria del Perpetuo Socorro Godoy Alcayaga, ma amava firmarsi Gabriela Mistral col nome di Gabriele D'Annunzio ed il cognome di Frederic Mistral, i suoi poeti preferiti.
Una donna che ha conosciuto e vissuto fino in fondo la condizione di donna anche o forse soprattutto nei suoi aspetti più logoranti e dolorosi: allevata dalla madre sola perché il padre aveva abbandonato la famiglia quando lei non aveva che tre anni, ha conosciuto e venerato il valore ed il sacrificio della maternità.
Femminista per condizione oggettiva prima ancora che per scelta, ha dovuto maturare in fretta e trovare poi la via del suo riscatto di donna attraverso la cultura e la poesia.

L'immagine di Google contiene le prime parole di una delle sue poesie più famose:

"Dame la mano y danzaremos;
dame la mano y me amarás.

..."

vale la pena di tradurla prima di dire qualsiasi altra cosa di questa appassionata figura della cultura femminile:

DAMMI LA MANO

Dammi la mano e danzeremo,
dammi la mano e mi amerai,
come un solo fiore saremo,
come un fiore e nulla più.

Il medesimo verso canteremo,
il medesimo verso balleremo,
come una spiga onduleremo,
come una spiga e nulla più.

Il tuo nome è Rosa ed io Speranza,
però il tuo nome dimenticherai,
perché saremo una danza
sulla collina e nulla più.

Versi d'amore di una semplicità e con una pienezza emozionale ed immaginifica tali che da soli basterebbero a descrivere l'autrice.
Gabriela Mistral era nata a Vicuna, una piccola cittadina cilena, il 7 aprile del 1889, ha iniziato a pubblicare poesie nel 1904, appena all'età di 15 anni e nel 1914 ha ricevuto il primo premio letterario nazionale. La sua tematica poetica è incentrata sull'amore, ma anche sul dolore profondamente sofferto nella sua vita: Gabriela vede morire suicidi persone a lei care e vicine, il primo giovane conosciuto da adolescente nel 1906 che si suicida nel 1909 ed un nipote, Juan Miguel, amato come un figlio e morto suicida a soli 17 anni nel 1943.
Nel 1929 perde la madre a cui dedica una parte della sua pubblicazione "Tala".

Nel corso della sua vita ha girato il mondo non solo i paesi dell'America latina, ma anche gli Stati Uniti e l'Europa. Il 15 novembre del 1945 le viene assegnato il Nobel per la letteratura.
Muore per cancro a Long Island negli Usa il 10 gennaio del 1957.



Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog