Isolamento e solitudine

Racchiuso in un proiettile di purissimo ghiaccio lanciato nello spazio infinito. 

Disperso in un deserto immenso privo dell'orizzonte, confuso
nell'abbagliante riverbero del sole.

Rintanato nella penombra di un angusto anfratto a contare nella mente tutte le particelle di pulviscolo roteanti nella fessura di luce.

In preda al panico insensato di chi si dibatte anche quando sa che non c'è uscita, ma non può scegliere di consumare la sua fine nell'immobilità e nel silenzio.

A passi felpati e gesti dolcemente misurati su un tappeto di nubi che affonda, ma non mai può toccare o toccarti.

Mordendo con rabbia, ma senza provare dolore.

La mente offuscata da grumi di impressioni mischiate dove solo la musica rende armonia.

Non può esistere, non c'è, chi è?

Contemplando la danza ripetuta nei gesti di mani e di dita, son fuori son dentro e sputando parole ingoiate.

Lo strano bizzarro esser solo ...

Commenti

  1. Clara , come sempre , i tuoi versi mi fanno toccare il paradiso...
    Bellissimi, intensi, magici, surreali...
    Ci sono dentro.....tutta!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella... un abbraccio anche a te: buona notte.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Uguali, simili e diversi: quando l'integrazione è un percorso di crescita

Prevenire le malattie genetiche: il discusso progetto britannico

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il canto del contadino (poesia)