Migranti: richiedenti asilo in Italia sotto la media UE

L'emergenza immigrazione dopo le ultime stragi del mare è balzata in primo piano non solo su tutti i media, ma anche nei discorsi dei politici: negli ultimi giorni non si parla d'altro e l'Europa progetta un intervento militare per fermare i trafficanti e distruggere i barconi.
Ieri in Lussemburgo, si sono riuniti i ministri degli esteri della UE appunto per elaborare un programma che affronti l'emergenza immigrazione.
Qui in Italia invece si affrontano Renzi e Salvini: il primo motivato a coinvolgere l'Europa ottenendo maggiori supporti rispetto a quella che a pieno titolo si configura come una crisi umanitaria, il secondo concentrato a cavalcare l'onda del razzismo più o meno strisciante o esplicito di chi, stretto nella morsa della crisi economica, vorrebbe scaricare la propria rabbia verso il locus minoris resistentiae, vale a dire verso i deboli ed i disperati: gli immigrati, appunto.

Per fare chiarezza diciamo subito che gli italiani sono stati molto più capaci ed efficienti nel soccorso in mare di quanto non lo siano stati gli europei: stando infatti ai dati pubblicati sul sito dell'Unhcr in realtà nei primi tre mesi del 2015 il numero di arrivi via mare è sostanzialmente invariato rispetto allo stesso periodo del 2014 ma il numero delle morti di migranti è invece lievitato vertiginosamente.
Nel 2015 con la chiusura di Mare Nostrum, sostituito dalla operazione Frontex o Triton, i morti sono stati in numero 30 volte superiore  rispetto allo scorso anno e questo a fronte di un numero di migranti stabile.
L'orgoglio dell'Italia è quindi quello di essere riuscita a salvare molte più vite umane con la propria organizzazione, rispetto a quanto fino ad oggi è riuscita a fare l'Europa.

L'altro aspetto fondamentale è il dato che riguarda il numero dei richiedenti asilo: in questo l'Italia è al di sotto della media europea, nel 2015 i richiedenti asilo sono 2.800 dei quali il 50% ha ottenuto qualche forma di supporto e riconoscimento. L'Italia accoglie un rifugiato ogni 1.000 abitanti, al di sotto di gran lunga quindi dei paesi scandinavi, dove i rifugiati sono 7,8 ogni 1.000 e dell'Ungheria, dove ottengono asilo 4,1 immigrati ogni 1.000 abitanti e della Francia dove si contano 3,5 rifugiati per mille abitanti.
Insomma i paventati pericoli di invasione invocati dalla Lega sono il solito pretesto per dirottare rabbia, malcontento e proteste contro soggetti socialmente deboli, distogliendo  altrove la protesta e soprattutto tenendola lontano da chi manovra i fili dei vari governi che hanno portato l'Italia in questa grave crisi economica e sociale.

Va comunque considerato che il numero dei richiedenti asilo sarà probabilmente molto lontano dal numero di migranti che effettivamente transitano sul territorio italiano: la nostra è la prima costa, solo un confine e certo una terra di passaggio.

Negli ultimi quattro anni i maggiori flussi di provenienza di migranti sono sempre stati registrati da paesi colpiti da guerre e gravi crisi umanitarie: Siria, Somalia, Eritrea e Mali rappresentano i luoghi d'origine di circa la metà di tutti i flussi migratori.


Commenti

  1. Cosa dire ??? Non riescono a trovare un accordo un progetto x risolvere sta tragedia,,,,,,,,,, clara Ascione un abbraccio tesoro !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è poco da dire: ormai muoiono come mosche e gli altri discutono e pontificano....

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il primo appuntamento

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola

Il cielo stellato (poesia)

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia