Oltre 5.000 i morti in Nepal e più di un milione di bambini coinvolti

Il bilancio aggiornato delle vittime del terremoto in Nepal è di 5.057 morti, quasi 11.000 feriti, 450.000 rimasti senza tetto all'addiaccio ed oltre un milione di bambini coinvolti: a rischio di infezioni, ipotermia e fame. Circa 1,4 milioni di persone necessitano di aiuti alimentari, gli ospedali sono sovraccarichi ed i medicinali in esaurimento. Un quadro apocalittico dove diviene difficile anche prestare soccorsi perché alcune zone sono difficili da raggiungere.
Sono mobilitate tutte le agenzie umanitarie internazionali, ma i soccorsi al momento sembrano ancora inadeguati rispetto alla situazione. Il bilancio delle vittime non è ancora definitivo: si temono 10.000 morti.

Gli italiani  che è stato possibile rintracciare nelle zone colpite sono 347, irreperibili 39, morti quattro.

In sintesi:  il 25 aprile le prime scosse, quelle  più violente, 7,8-7,9 della scala Richter in prossimità di Kathmandu, seguite poi da numerose scosse di assestamento anche piuttosto forti, in particolare la mattina del 26 aprile è stata raggiunta la magnitudo di 6,7 nella scala Richter ed ancora oggi sono state registrate altre quattro scosse tra i 3,9 ed i 4,8 gradi.
Risultano colpiti 30 dei 75 distretti del territorio e, trattandosi di zone montuose, sono state segnalate diverse valanghe: sono 45 i villaggi distrutti.
Il governo del Nepal ha richiesto già il 25 aprile il sostegno dell'ONU.
Al momento sono in corso imponenti operazioni di soccorso, anche se non sempre ben coordinate: diverse zone sono difficili da raggiungere come il punto di arrivo dei soccorsi umanitari, l'aeroporto di Kathmandu, a sua volta congestionato.
Colpite anche le regioni del Tibet  in Cina, dove si contano 25 vittime.
Le condizioni climatiche ostacolano al momento lo svolgimento delle operazioni di soccorso.

Solidarietà: una delle cose più semplici per chiunque voglia sono i numeri  45596 per l'Unicef e 45591 per l'agenzia italiana delle emergenze (Agire): si possono donare 1 o 2 euro, anche questo è un modo per esserci ciascuno nel proprio piccolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola