L'aria bene comune al centro dell'Assemblea OMS: 8 milioni di morti l'anno per inquinamento

La prima delle tre risoluzioni con cui si è conclusa ieri l'Assemblea dell'Organizzazione mondiale della salute riguarda le politiche necessarie alla prevenzione dei gravi danni alla salute conseguenti all'inquinamento atmosferico: ogni anno si contano 4,3 milioni di morti per l'inquinamento dell'aria interna e 3,7 milioni per l'aria esterna. Per la prima volta l'OMS affronta l'argomento come un problema primario per la salute umana, ma come riuscire fattivamente a migliorare la situazione attuale?
L'Oms prende in considerazione diversi ordini di provvedimenti:

  • Potenziare sul piano istituzionale il monitoraggio della qualità dell'aria negli Stati membri dell'Oms.
  • Nell'ambito dei Servizi Sanitari delle diverse regioni curare specifici registri della salute in modo da sorvegliare l'andamento delle malattie legate all'inquinamento atmosferico. 
  • Promuovere l'informazione sanitaria mirata a prevenire e limitare la diffusione di inquinanti dell'aria interna alle abitazioni, nello specifico soprattutto l'igiene e gli accorgimenti utili negli ambienti di cucina.
  • Politiche che favoriscano tecnologie sostenibili per il riscaldamento ed il generale la produzione di energia.
La raccomandazione è comunque quella di rispettare le linee guida OMS sulla qualità dell'aria.

Le altre risoluzioni adottate dall'Oms in questa assemblea riguardano il trattamento dell'epilessia e la disponibilità a lavorare con partner privati e non soltanto statali, in particolare le organizzazioni umanitarie, accademiche e filantropiche.
L'epilessia rappresenta un problema soprattutto nelle regioni più povere dove fino al 90% delle persone epilettiche non hanno la possibilità di accedere alla diagnosi ed alle cure necessarie: problematica che può essere affrontata solo attraverso la diffusione informativa e la istituzione nei territori di Centri specialistici.

Commenti

  1. Arduo problema mia cara Clara ,problema che ci ha sempre afflitto in questi ultimi anni e che sempre troppo poco si è fatto e troppo tanto si è parlato..
    Grazie per le tue informazioni..
    Un abbraccio e una buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Nella: non solo la terra, ma anche l'acqua e l'aria sono nelle mani dei potenti, che se ne impadroniscono e le danneggiano, rendendole inutilizzabili per tutti. Le fonti della vita non dovrebbero essere proprietà privata: speriamo si riesca a ristabilire il diritto di vivere e di respirare per tutti. Buona giornata Nella.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari