Un pensiero per mia madre (poesia)

Oggi è la festa dei bimbi e la dolcezza di ogni  giovane madre, che vede recapitarsi un fiore, un cartoncino, una cianfrusaglia qualsiasi colma d'affetto: una restituzione piccola, quanto immensa della gioia e della vita trasmessa e curata in un bambino. 
Nulla può essere reso ad una madre, ma possiamo custodirne l'amore e riempirne il mondo.




Mamma


Una scintilla nella cenere
serpeggiando lampeggia
lungo il filo di storia.
Le nostre vite in corsa.
Mi consegnasti il testimonio,
in quel destino di una parola: donna.
Poi sei rimasta indietro.
Vidi stagliarsi la tua figura
e poi sfumare l'ombra
nella cortina di polvere
sollevata sulla strada.

I miei piedi battevano in terra
inseguendo la vita
sul sentiero futuro
e tu sparisti:
ancora
mi giro a cercarti
con lo sguardo,
ma non puoi raggiungermi,
ma non posso fermarmi.

Ricordo la notte insonne
della mia malattia,
quella che hai confortato,
avvolta nel tuo abbraccio.
Ricordo ogni amarezza,
ogni lite, ogni sorriso
e la spina dorsale dritta
e nutrita dal tuo orgoglio di madre,
mia madre,
il nocciolo sicuro
della mia essenza.


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog