Combattimenti clandestini tra cani: 4 denunce a Napoli

Un video cruento postato on line e la polizia postale localizza e risale ai responsabili, che, usando combattimenti mortali tra cani, gestivano un giro di scommesse clandestine.
Secondo l'informativa del Ministero dell'interno, sono state denunciate quattro persone tra Napoli e Caserta: è stata l'avidità dei delinquenti a permetterne l'individuazione, infatti i video dei combattimenti venivano pubblicati nei social network per pubblicizzare gli eventi, raccogliere le scommesse e proporre la vendita degli animali più resistenti ed aggressivi.
I video però sono stati segnalati da molti utenti ed associazioni animaliste e questo ha messo in moto la macchina della giustizia.

La polizia informatica ha localizzato la zona dove avvenivano i combattimenti, in prossimità del Comune di Castelvolturno in provincia di Caserta ed individuato con precisione i box dove i cani venivano tenuti prigionieri: l'irruzione delle forze dell'ordine ha salvato un pitbull gravemente ferito, mentre il dogo argentino ripreso nel filmato, che ha allertato la polizia postale è stato rintracciato a Napoli nei pressi del quartiere Sanità.
Al momento sono ancora in corso le indagini per risalire ad altri responsabili e complici.

Esiste un mercato nel napoletano, comprensivo di giro di scommesse, per spettacoli cruenti come combattimenti mortali tra i cani: se c'è mercato evidentemente ci sono consumatori, vale a dire persone morbosamente attratte dalla spettacolarizzazione della sofferenza e della morte di altre creature e questi consumatori devono essere anche in tanti per rendere la cosa un "affare"  economicamente allettante.
Il coefficiente di perversione della nostra cultura e della nostra "civiltà" si mantiene elevato a livelli allarmanti. Qualche domanda dovremmo cominciare a porcela...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il bambino epilettico a scuola

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche