Fiori calpestati (poesia)

La vita di chiunque trascorre ignorata, ma sempre lascia una traccia a volte distinta ed altre confusa o mischiata in un coro di voci, in un'onda di odori che si rivelano nella loro potenza lungo il sentiero come forze sconosciute, inspiegabili come una memoria di istinti e sensazioni sommerse, che continuano a guidarci nel buio della mente.




FIORI CALPESTATI


I fiori calpestati
giacciono
alla carezza infida e lieve
dell'essenza marcita,
lento essudare
inebriante
dei petali morenti.

I fiori contaminati
di terra e nascosti
nell'erba al margine
delle mulattiere,
ondeggiano
sugli steli esili, piegati
al suolo
dalle corolle
e dai passi
dei viandanti assonnati.

Troppo distanti
da casa e dimentichi
di ogni meta.

L'odore di prato
irrorato di rugiade
al mattino conduce
il gusto violento
delle corolle pestate.

Intenso impregna le nari
e le menti stordite
di vite e di echi
dispersi nell'aria.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

L’ombra di Peter Pan

La tempesta (poesia)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia