In difesa del latte delle mucche

Non sono riuscita ad aprire un quotidiano oggi che non parlasse delle mucche e degli accorgimenti da adottare accortamente nella loro alimentazione per poterne ricavare il miglior latte al momento della mungitura: perché sennò uno alleverebbe le sue mucche prendendosi il disturbo di dar loro da mangiare e di pulire anche  le stalle?
Le mucche danno il latte, si sa, lo insegnano ai bambini fin dalla scuola materna, ma vanno curate e nutrite, poverine.
Nell'osservare il grande interesse che oggi circonda le mucche, mi dico: chissà la Coldiretti?!
Perché, sapete, anche loro si occupano spesso di mucche, latte e quote latte e si tratta di un settore sempre in crisi (a sentir loro, gli allevatori) ed ecco che vado a pescare (sul sito Coldiretti) un articolo del 2 Giugno che titola: "Crisi latte: chiuso il 60% delle stalle di montagna" (poveri noi).

E allora ditelo prima, no? Loro già lo sapevano che c'era la crisi del latte e voi ve ne accorgete solo adesso? La cosa sta così: nella metafora intercettata dalle forze dell'ordine nell'ambito dell'inchiesta cosiddetta mafia capitale, durante una conversazione  telefonica fra loschi figuri  (oggi ne hanno rastrellato un'altra quarantina) i politici sono le mucche o vacche (che pure è italiano) le quali vacche devono mangiare prima di poter essere munte.
Un principio elementare: se la mucca non ha mangiato non riesce a produrre latte, qualunque contadino analfabeta del secolo scorso potrebbe confermarlo.

Voi forse considerate vergognoso lo sprezzo, neanche tanto implicito e sotteso, quanto piuttosto pubblico e manifesto, che la metafora contiene nell'assimilare la classe politica ai bovini da allevamento da sfruttare per i propri scopi, ma io chiedo: che cosa avete dunque contro le mucche?

Le mucche sono creature semplici, naturali e sincere, non rubano (le mucche) non imbrogliano e non sfruttano nessuno, producono il latte perché così vuole la loro natura e per natura lo darebbero anche ai propri vitelli, non è colpa loro se qualcun altro se ne impadronisce per propria avidità o bisogno, ma loro (le mucche) non sono avide per nulla, poverette mangiano per mantenersi in vita, non per accumulare ricchezza e insomma se ci trovassimo al posto della mucca noi potremmo a buona ragione considerarci profondamente offesi dell'improprio paragone.

La Coldiretti ce l'ha con il latte di importazione di qualità scadente che obbliga gli allevatori ad abbassare i prezzi e finisce per distruggere la produzione nostrana, così anche la metafora dei traffici di mafia capitale era riferita a qualcosa che viene dall'estero: quegli imbrogli ed affarismi sui campi di accoglienza per i profughi (che vengono dall'estero anche loro) un business dove sembra ci abbiano guadagnato la malavita e gli amministratori locali, ma non i rifugiati ed ancor meno i cittadini italiani, sicché al posto delle mucche, noi al massimo potremmo tollerare il confronto con queste due ultime categorie, ma non oltre. Ecco come nasce la xenofobia: vedete che guai combinano dall'estero!

Che vadano in galera! Tuona ora il governo, ma non stupitevi se ne verrà invece candidato qualcuno nelle prossime tornate elettorali: chi è abile nella mungitura riesce a mungere di tutto da tutti, compresi i voti degli elettori e questo si sa...

Commenti

  1. Ciao Clara, ti faccio un appunto zootecnico: il termine esatto è "vacca" e non "mucca". Che poi più che altro si parlerebbe di "bovine da latte", poiché la "vacca" è quella da carne.
    Dettagli tecnici a parte, visto che non credo che gliene freghi niente a nessuno se si chiamano "mucche", "vacche" o "bovine", tanto il succo è sempre lo stesso, credo che un paese che arriva a sfruttare l'immigrazione clandestina per il proprio interesse, sia ormai senza speranza... e visti gli ultimi avvenimenti, poi, credo che fra poco finiremo senza più nulla da mungere, se non ci siamo già arrivati.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Poiana e grazie per il tuo intervento da esperta: qui il malaffare si intrufola dovunque circoli denaro e non solo per gli immigrati, ma anche per i malati.... lasciamo perdere che è meglio :-( buona notte

      Elimina
    2. ...per i malati, per gli orfani... e a farne le spese sono sempre gli stessi. Anzi che ogni tanto esce fuori qualcosa come "Mafia Capitale" e si scoprono un po' di altarini.
      Già, come dici tu, forse è meglio lasciare stare :*
      Buona giornata

      Elimina
  2. ......mi correggo da sola aggiungendo che sono "vacche" anche quelle da latte.
    Baci cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah come sei precisa: vacche o mucche per me pari sono... un abbraccio anche a te!

      Elimina
    2. Ahahahah va be' giusto per essere precisi :D

      Elimina
  3. Articolo divertente su un argomento triste, Clara. Un saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano: credo che tu abbia ragione, ma a volte si ride per esorcizzare anche il disgusto e l'amarezza, forse meno pervasivi, ma più penetranti della tristezza.
      Sento che sei giovane e buono se queste cose ti rattristano soltanto...
      Un caro saluto anche a te Ivano.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog