Istat: disoccupazione (finalmente) in calo

Cresce l'occupazione e si riducono i tassi di disoccupazione nei bilanci sia trimestrali che mensili dell'Istat, ma lavorano solo gli ultracinquantenni: per tutta la fascia 15-49 anni l'occupazione invece diminuisce.

L'occupazione aumenta, mentre il numero di disoccupati si riduce: nel 1° trimestre 2015 cresce il numero di occupati di 133.000 unità su base annua, segnando l'incremento di +0.6% ed il miglioramento dell'occupazione riguarda entrambi i generi e tutti i distretti territoriali italiani: il dato da approfondire e comprendere tuttavia riguarda la fascia d'età in cui aumenta l'occupazione e che è quella degli ultracinquantenni per i quali si registra una crescita del +5,3% mentre l'occupazione si riduce per i più giovani registrando un segno negativo sia nella fascia 15-34 col -1,7% che 35-49 con -1,4%.

Nell'ambito delle industrie e delle imprese edili a livello nazionale l'occupazione si riduce rispettivamente del -0,9% e del -1,2% mentre risulta trainante in questo globale aumento dell'occupazione il settore terziario che registra  +1% di occupati vale a dire 147.000 unità su base annua ed appare pertanto l'unico settore responsabile della crescita complessiva di 133.000 rispetto al 1° trimestre 2014.
Nel 1° trimestre 2015 dunque aumenta l'occupazione nel settore terziario per gli ultracinquantenni: dato tutto da interpretare.

In questo quadro globale sorprende il dato del meridione d'Italia dove del tutto in controtendenza col centro-nord aumentano l'occupazione sia nell'industria che nel settore edile (+2,3% e +3,8% rispettivamente).
Aumentano a livello nazionale i lavoratori a tempo pieno, con un +0,6% ed aumentano anche i lavoratori part time (+0,7%) e quelli con contratti a termine (+3,5% su base annua).
Cala il numero di persone in cerca di occupazione (-4,2%) ed il tasso di disoccupazione che scende al 13% con una riduzione dello 0,6% nel confronto annuo col 1° trimestre 2014.
Il tasso di inattività si conserva stabilmente al 36,1% registrando un aumento nella fascia d'età 15-54 ed una riduzione per la fascia 55-64.

Nei dati mensili provvisori riferiti ad aprile 2015 continua l'aumento degli occupati dello 0,7% rispetto al mese precedente così che il tasso di occupazione giunge al 56,1% con un aumento percentuale dello 0,4 nel raffronto mensile, mentre su base annua in rapporto ad aprile 2014 l'occupazione risulta in crescita dell'1,2% ed il tasso di occupazione dello 0,7%.
Parallelamente si riducono i disoccupati dell'1,2% rispetto al mese precedente ed il tasso di disoccupazione dello 0,2% portandosi ad una percentuale complessiva del 12,4%.
Comincia a calare anche la percentuale di soggetti inattivi che si porta al 35,8%.
I dati di aprile in effetti confermano la tendenza migliorativa già registrata nel 1° trimestre dell'anno e quindi l'aggancio al carro anche per l'Italia di questa faticosa risalita dalla crisi economica.



Commenti

Post popolari in questo blog

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola