La ripresa c'è, ma non si vede

Due giorni fa, il 29 maggio, l'Istat ha diffuso i dati relativi all'andamento del  Pil nel 1° trimestre 2015 e quelli dei prezzi al consumo (ovvero dell'inflazione) del mese di maggio 2015: questi dati sono stati molto enfatizzati, il che è comprensibile, considerato che ieri, il 31 maggio, vi sono state le elezioni regionali e pertanto era necessario motivare e tenere alto il morale degli elettori.
In effetti per il 1° trimestre 2015 il Pil risulta in crescita dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,1% in confronto al 1° trimestre 2014, ma soprattutto, in rapporto all'anno di riferimento 2010, per la prima volta il Pil supera il punto 0 sul grafico assumendo il segno + dopo ben 4 anni.

In effetti dopo avere toccato il fondo nel 2° e 3° trimestre del 2012, il nostro Pil ha seguito una lenta ascesa fino al 1° trimestre 2014, cui è seguita una curva in lieve discesa fino al 3° trimestre 2014 ed infine di nuovo una lenta risalita per il 4° trimestre 2014 ed il 1° trimestre 2015 che finalmente ha portato ora la curva di crescita in positivo rispetto al riferimento definito 2010.
Si tratta evidentemente di variazioni piccole che necessitano di verifiche e conferme nell'andamento tendenziale. Malgrado il Pil sia in crescita, tuttavia, l'Istat avvisa che i consumi finali nazionali sono in riduzione segnando il -0,1% inoltre le esportazioni sono rimaste stazionarie, mentre le importazioni risultano aumentate dell'1,4%. La spesa delle famiglie si riduce segnando -0,1% quindi fin qui le famiglie non si sono accorte della ripresa e possono spendere meno, per contro aumenta la spesa delle amministrazioni dello 0,1%.
Il settore trainante sembra essere l'agricoltura con un valore aggiunto positivo del 6% mentre per l'industria il valore sempre positivo è dello 0,6%.

Coldiretti rivendica il contributo offerto dall'agricoltura all'uscita dalla deflazione per l'aumento del 10,9% dei prezzi della verdura e del 3,6% della frutta, secondo le loro analisi, mentre l'Istat conferma che nel mese di maggio scorso i prezzi al consumo sono aumentati nel loro complesso dello 0,2% e l'inflazione acquisita per il 2015 è del +,1% . L'aumento dei prezzi al consumo nel mese di maggio 2015 è dello 0,2% sia rispetto al mese precedente che in rapporto a maggio 2014.
L'aumento dei prezzi dovrebbe corrispondere ad un aumento della domanda e quindi ad una ripresa dei consumi, ma questo parametro non è stato ancora rilevato per il mese di maggio, mentre, come segnalato sopra, per il periodo gennaio-marzo 2015 sia i consumi finali che la spesa delle famiglie erano ancora in calo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola