La pelle (poesia)

Nessuno  possiede conoscenza: ciò che crediamo di sapere si dissolve come le bollicine di spuma sul mare, si disfa come un gioco di nuvole e diventa qualcosa di diverso di volta in volta.
Ma la verità può essere solo sentita nell'attimo in cui accade. 
E l'amore può solo pulsare sincrono al respiro dei venti.


LA PELLE

Nascondi il sorriso vagabondo 
nei laghi affondati 
in terra bruna:
incarnato battuto dal sole.
Nerbo di foglie rigogliose al fondo
cristalli cangianti
come rugiade 
contaminate
di umori e polveri,
silenziose all'imbrunire.
Quando stronca la calura
ed apre il respiro
sul miele salato,
aroma della pelle.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il primo appuntamento

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il cielo stellato (poesia)

Il bambino epilettico a scuola

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia