Pane e "pummarola" (una ricetta per il caldo)

L'ispirazione culinaria di oggi riguarda la ricetta più antica del mondo, la regina di quel che pomposamente si chiama dieta mediterranea: parliamo proprio del pane con la pummarola, che è una di quelle preparazioni semplicissime a bassissimo costo (almeno alle nostre latitudini) e che però può essere desiderata con passione ardente da chi (incautamente) se ne faccia venire voglia, proprio come una fresca popolana, preziosa per  l'incarnato bianco, le labbra tumide e l'incantevole ingenuità.
Insomma un pensiero sensuale quando parliamo di cibo è quasi dovuto: va da sé che si tratta di un alimento fresco e leggero, ideale per la calura di queste giornate, ma certamente adatto in qualsiasi periodo dell'anno, purché troviate dei pomodorini freschi.

In verità per la bisogna possono andar bene anche i pomodorini di "piennolo" se volete preparare il pane con la pummarola fuori stagione.
Insomma vi occorrono:

  • un sano appetito (che sarebbe quella sensazione di vuoto di stomaco che trapassa la fiacchezza della calura)
  • poco tempo e poca voglia di cucinare e soprattutto nessuna voglia di mettervi ai fornelli (lontano sia!)
  • un bel pezzo di pane casareccio, quello cafone e preferibilmente del giorno prima: prendete il pane di ieri, insomma
  • pomodorini rossi, ma duri (ciliegine o datterini, ma vanno bene anche i pomodorini col pizzo, purché maturi al punto giusto): trattandosi di un piatto semplice e niente affatto elaborato, la qualità della materia prima è fondamentale (a buon intenditor...)
  • alcune foglie di basilico fresco
  • aglio
  • origano
  • olio extravergine di oliva
  • sale
Lavate e tagliate i pomodorini e teneteli un attimo da parte, tagliate il pane a fette e disponetelo in un piatto, strofinate sul pane uno spicchio d'aglio che poi potete lasciare intero nel piatto (non dovrete mangiarlo) quindi distribuite sul pane il pomodoro, condite con un pizzico di sale ed un filo d'olio, spolverizzate con una manciata di origano e decorate con le foglie di basilico.
Se volete arricchire il vostro frugale pasto, accompagnate il pane con la pummarola con una porzione di formaggio fresco o in subordine con tonno sottolio.
Non permettete a nessuno di disturbarvi, siete in pausa pranzo: buon appetito!

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco: il penoso spettacolo delle spiagge invernali

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

La giornata FAI d'autunno: cosa c'è da vedere a Napoli

Abbracciami (poesia)

Torre Del Greco: stalker a 19 anni