Problemi di vicinato: nessuno è immune

Ieri un signore di Aversa (si trovava già vicino al vecchio giudiziario e non dovrà allontanarsi tanto) ha sterminato una intera famiglia di vicini di casa perché gli avevano occupato senza diritto il posto auto o forse perché facevano rumore, mentre lui avrebbe voluto dormire.
Tutti a fare finta di non saperne nulla ed a scandalizzarsi, ma raccontiamola giusta: chi fra voi non ha mai accarezzato neanche una volta, per una fantasia perversa, l'idea di sopprimere un vicino di casa fastidioso, insistente, tracotante, rumoroso ed inopportuno, scagli la prima pietra!
Lo so e lo capisco: per questa volta (a differenza di quanto accade alle incaute donne velate, colpevoli di apostasia) io non rischio la lapidazione e così ci siamo salvati in calcio d'angolo dalla persecutorietà della rigorosa ortodossia religiosa, ma non dai vicini di casa (purtroppo)!

La tipologia del vicino fastidioso è abbastanza varia, ma per lo più contiene un comune denominatore: il vostro vicino si sente trascurato  e scarsamente considerato (per forza voi avete occhi solo per il vostro personal computer) ragion per cui vuole farsi presente alla vostra attenzione: voi non avete idea di quanti omicidi sarebbe possibile evitare, limitandosi a salutare calorosamente la gente e spendendovi magari qualche minuto del vostro tempo per due chiacchiere di pianerottolo!
Certo voi mi obietterete che non siete pettegoli (ed io dovrei credervi) inoltre non avete tempo neanche per lavarvi i piedi (ma fatela finita con questo inqualificabile vittimismo!) figurarsi per gli inciuci di comari sulla soglia di casa.
Badate bene: io potrei anche darvi ragione, ma così  voi vi mettete in difficoltà con le vostre stesse mani, soprattutto se qualcosa nel vostro stile di vita dovesse risultare inconsueto e pertanto rendere diffidente il vicinato di cui sopra.
Non andate a messa la domenica? Siete divorziati o single? Siete gay o colorati? Vi fate i fatti vostri e non vi filate nessuno? Ahi ahi... la vedo male! Possedete un animale domestico? Peggio che andar di notte! Avete piante sul balcone? Sgoccioleranno e perderanno foglioline, imbrattando così il terrazzo di sotto e la vostra vicina ne sarà inviperita (non che debba sforzarsi tanto, mi obietterete, vipera lo è per sua natura!) a qualunque ora del giorno o della notte voi gli diate acque alle povere piantine...
Avete il vizio di stendere i panni? Mal ve ne incolga! Certamente operate in modo incauto togliendo la luce o facendo sgocciolare acqua a chi è sotto! Avete in casa un bambino? La sua vivacità varrà una cefalea alla vostra vicina che non mancherà di lamentarsene! Avete in casa un adolescente o un giovane? Sarà meglio insonorizzare le pareti! Lasciate l'appartamento per le vacanze? Chiunque sia stato mandato a svaligiarlo, il basista è un vostro vicino, potete contarci! Puntate la sveglia la mattina? disturberete la vicina che vuole dormire a quell'ora! Il vostro cane abbaia ed il vostro gatto miagola (lo credereste?).
Ma voi, pacifisti convinti, in compenso sopporterete tutto questo (e c'è chi lo chiamerebbe stalkingstoicamente in nome della vostra civile umanità ed in più anni ed anni di notti insonni dietro ai nuovi nati dei vostri vicini  (augurandovi che prima o poi scoprano la contraccezione) ai quali vorreste suggerire un Sos-tata visto che non riescono a far tacere i pargoli neanche per un secondo ed urlano come forsennati a loro volta, mentre voi vorreste dormire, colori ad acquarello misteriosamente caduti sul bucato ed altre prelibatezze di tal fatta. Ecco: continuerete imperterriti a farvi i fatti vostri, senza fare una piega, col bel risultato che i vostri vicini, sentendosi snobbati, alzeranno sempre più il tiro: a questo punto vi converrà non aprire mai la porta a nessuno (specie ad un vicino) e naturalmente continuare con disinvolta noncuranza a non filarvi il vostro vicinato, ma in tal caso sappiate che siete seriamente a rischio!
Così vanno le cose e prima o poi qualcuno diventa pazzo, non sarà il vostro caso, ma potrebbe essere quello del vicino, poi non dite che non vi avevo avvisato: e fateli questi due pettegolezzi! In fondo che vi costa?



Commenti

  1. Ho appena finito di immaginare come potrebbe precipitare il nipote dei miei vicini di casa, che per qualche strano motivo sta SEMPRE sul balcone davanti alla mia finestra, gridando, battendo sulla ringhiera e inveendo rumorosamente verso i nonni, che, gli venisse un bene, gli potrebbero pure dare uno scapalcione di quelli potenti. Uno solo, quel tanto che basta per fare capire al pargoletto che non si grida a qualsiasi ora del giorno e della notte sul balcone contro gli anziani nonni, soprattutto quando la vicina di casa, studentessa in crisi in sessione d'esami, che già non c'ha nessuna voglia di studiare, si ritrova nel pieno panico del "-7 giorni" e, le poco ortodosse condotte verso i parenti del sopradetto giovinetto, di certo non l'aiuta a trovare la concentrazione; o anche che non è salutare quando la suddetta vicina decide di abbandonarsi un'ora al dolce sonno ristoratore e, già nelle braccia di Morfeo con tanto di bavetta alla bocca, si sveglia di soprassalto in conseguenza alle sue jestime contro il parentame, e con il cuore in gola gli tira giù tutti i membri defunti o meno dell'albero genealogico con parole tutt'altro che lusinghiere e trattenendosi a stento dal tirargli contro il manubrio da 3 kg.
    Sono le belle esperienze del vicinato. Buona serata cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima! Certo hai del coraggio a dichiarare le tue difficoltà con i vicini, non è da tutti, a volte si cerca il quieto vivere e si sopporta comunque, a volte ci si trova nervosi per altre ragioni e si cerca all'opposto il pelo nell'uovo. Bisognerebbe riuscire ad essere abbastanza cortesi e tolleranti, ma al contempo stabilire dei limiti di rispetto. Facile a dirsi, ma complesso da declinare nella realtà. Un grande in bocca al lupo per la tua sessione estiva! Sei una ragazza piena di passione e di entusiasmo: vedrai sarà un successo :-))
      ____________________________________________

      Elimina
    2. Viva il lupo e si pappi i prof ;) grazie.
      Con i vicini ho risolto con la finestra nuova. Non li sento più, almeno finché è chiusa XD
      Un abbraccio cara. Ti farò sapere ^^

      Elimina
    3. Sono contenta per te!! ;-)

      Elimina
  2. Ahahah! Hai perfettamente ragione! Mi hai fatto fare un sacco di risate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco... lo vedi? Tutta colpa della tua natura selvatica, che non fai le cofecchie con la signora di sopra e poi che pretendi? Grazie Annalisa, obbligata ;-)

      Elimina
    2. Hai ragione! Devo darmi al pettegolezzo selvaggio se voglio salvarmi.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

L’ombra di Peter Pan

La tempesta (poesia)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia