Sanità: multe ai medici per esami inappropriati

Si sta discutendo molto in questi giorni del cosiddetto Decreto Appropriatezza: la cosa riguarda in realtà i tagli di spesa sanitaria e prevede sanzioni per i medici che non si adeguano alle direttive del governo ed insistono nell'avvalersi di dispendiose indagini diagnostiche.
La necessità è quella di tagliare la spesa sanitaria e sotto il profilo economico la cosa, pur non condivisibile, è quanto meno comprensibile, ma ci sono alcuni particolari che vanno precisati:

  • Il diploma di laurea in medicina e le eventuali successive specializzazioni non vengono conferite dal governo, né dalle gerarchie delle aziende sanitarie o dalle Regioni, ma da un Ateneo, tanto vale anche per l'abilitazione all'esercizio professionale.
  • Il medico è responsabile in prima persona della salute del paziente che ha in cura e se l'omissione di indagini indicate comporta rischi e/o conseguenze lesive per la salute del paziente, sarà il suo medico curante il responsabile sul piano umano, professionale e giuridico, sarà lui/lei a comparire innanzi ad un giudice che ne valuterà le eventuali imprudenze, negligenze o imperizie, sarà lui/lei a perdere il sonno oltre che la faccia e la credibilità.
  • Le gerarchie amministrative possono stabilire (e ne hanno diritto) che certe indagini e/o trattamenti non possono essere a carico di spesa del sistema sanitario, non possono decidere, né sul piano etico, né su quello tecnico quali indagini e quali trattamenti il medico deve indicare nelle situazioni che prende in esame: per questo le amministrazioni non hanno né competenza, né diritto.
Uno specialista infatti può indicare trattamenti ed indagini che non sono a carico delle ASL: dal punto di vista delle responsabilità se il medico ha fornito le indicazioni corrette, non è poi una sua responsabilità se il paziente ha o meno la possibilità economica di osservare le sue prescrizioni: la responsabilità di togliere il diritto alla salute ai non abbienti è  politica ed è mistificatorio cercare di scaricarla sui medici: con la minaccia di sanzioni poi...

Questo non vuol dire che non vi siano sprechi e possibilità di ottimizzare la spesa e le risorse nel settore sanitario, ma la cosa andrebbe affrontata in forma sistematica e non cercando di limitarsi a  scaricare il problema sugli operatori di prima linea che devono dare risposte utili ed efficaci agli utenti.

Non dovrebbe essere troppo difficile da capire...



Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Dalla parte dei bambini

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Qualcosa di dolce per la buona domenica: torta di crema