Straniero nella notte (poesia)

La spossatezza della sera scompone e frammenta i pensieri, lasciandoli scorrere ed ammassarsi in silenzio nella parte oscura della clessidra, dove nessuno potrà più scalfirli: intatti come reperti fossili a sfidare il tempo e la storia. 
Al buio brillano vicine le luci del calore domestico: infinitesimali sotto gli argenti siderali, ma vicine da percepirne il tepore appena accennato. Un desiderio, un dolore, una speranza, una fatica: qualcosa di umano e sintonico, in risonanza nello sguardo che le contempla senza domande, né conoscenza.
Nessuno è straniero ed ogni cosa è straniera nella notte.



STRANIERO NELLA NOTTE

Un fare, un pensiero, un'attesa:
quadrati di luce gialla
soffusa sui davanzali
nei giochi di ombre.
Carta sotto  lume,
imposte chiuse
sul riverbero di luna.
E la luce si spegne
senza  aprirsi
sul cielo.

Battono ciglia a scandire le ore,  
scompare un tassello
di veglia, stroncato
di intimo errare:
un pensiero è annegato
nel sonno.
Contarli
come fiammelle accese
compagni di viaggio
ignorati.


Commenti

  1. bellissima! Ti porto con me tra i blog amici :-) Buona giornata Sfinge

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Claudia! Buona giornata anche a te :-)

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Dalla parte dei bambini

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Qualcosa di dolce per la buona domenica: torta di crema