Straniero nella notte (poesia)

La spossatezza della sera scompone e frammenta i pensieri, lasciandoli scorrere ed ammassarsi in silenzio nella parte oscura della clessidra, dove nessuno potrà più scalfirli: intatti come reperti fossili a sfidare il tempo e la storia. 
Al buio brillano vicine le luci del calore domestico: infinitesimali sotto gli argenti siderali, ma vicine da percepirne il tepore appena accennato. Un desiderio, un dolore, una speranza, una fatica: qualcosa di umano e sintonico, in risonanza nello sguardo che le contempla senza domande, né conoscenza.
Nessuno è straniero ed ogni cosa è straniera nella notte.



STRANIERO NELLA NOTTE

Un fare, un pensiero, un'attesa:
quadrati di luce gialla
soffusa sui davanzali
nei giochi di ombre.
Carta sotto  lume,
imposte chiuse
sul riverbero di luna.
E la luce si spegne
senza  aprirsi
sul cielo.

Battono ciglia a scandire le ore,  
scompare un tassello
di veglia, stroncato
di intimo errare:
un pensiero è annegato
nel sonno.
Contarli
come fiammelle accese
compagni di viaggio
ignorati.


Commenti

  1. bellissima! Ti porto con me tra i blog amici :-) Buona giornata Sfinge

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Claudia! Buona giornata anche a te :-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)

Il bambino epilettico a scuola