In inverno (poesia)

Un inverno non solo di guerra, quella  fatta di piccoli focolai, massacri puntiformi sparsi e sperduti nel mondo: quella guerra di culture, di blocchi economici, di potere e di povertà, ma tradotta nel sentire quotidiano di chi la vive, come il desiderio di conservare la vita e gli affetti per riuscire ad animare attraverso il proprio sguardo la bellezza e la speranza di esserci fino a conoscere un futuro di pace.



IN INVERNO

Condense di fiati:
stille traslucide,
nebbia sottile
di opache iridescenze:
vapori dal mare
intrisi di arcobaleni,
vetri appannati
agli sguardi melanconici
forieri di lunghi inverni.

Occhieggiare di raggi
prorompenti allo squarcio
nel grigio denso e greve.

Parlami amico mio
del prodigio del fuoco,
incantami con la danza
di colori caldi e raccogli
la paccottiglia brillante
di ogni scintilla
finché si spenga
in un grano di cenere.

Racconta la storia vissuta,
che io ne custodisca ogni lacrima
fino a colmarne l'ampolla
e tenerla nei giorni di luce,
rigirandola al sole
a creare arcobaleni di cristallo.

E la luce si spegne
annegando nel rosso
del fuoco, del mare incupito
e di quel sangue che macchia
e ferisce la storia narrata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog