Il volo di Icaro (poesia)

Quando qualcosa di invisibile e profondo si incrina nelle storie di tante vite, così insignificanti e confuse sulla superficie del pianeta, non si può più combattere né aspettare: ci sono cose che il tempo non ripara e non è più possibile aggiustare neanche con la manualità più paziente. 
A volte si può solo resistere, a volte si può solo morire ed a volte... restare e rinascere.




IL VOLO DI ICARO

Verranno i giorni senza sole,
amore mio,
i giorni del silenzio
e spegneranno le attese.

Custodisci il fuoco nell'ombra,
nascondilo alla luce
e lascia che ogni colore
stemperi l'anima sua,
colato lento nel
nero vischioso e sonnolento
dei cieli immobili.

Rimani fermo e ascolta,
rimani in piedi,
lascia passare l'onda
senza battere ciglia,
senza abbassare lo sguardo.

Finché giunga a passi leggeri
l'aria fragrante
a soffiare sospiri,
finché il fuoco rimescoli
il sangue
e sovrasti nell'urlo
il boato della lotta,
finché l'amore ti sfiori
e ti accarezzi il petto.
Ma tu allora ama per sempre
e per ogni appassionato istante.

Commenti

  1. Ciao Clara,
    Bellissima complimenti :)
    Ti faccio tanti auguri per un felice 2016, sperando di tornare presto a leggerti. Un abbraccio

    Poiana

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il primo appuntamento

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Il cielo stellato (poesia)

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia

Il canto del dio del fiume (poesia)