Al fondo (poesia)

Prima che scenda la notte, quando anche le cose aspettano un segno di pace e sfumano nel magma fluido e non espresso, privato della voce narrante, allora le parole si dileguano come fantasmi inutili, senza sussulti e sfilano tacendo risucchiati nelle fessure del cielo.  



AL FONDO

Affondo nel silenzio del giorno andato, 
nel fuoco 
che consuma il respiro 
e brucia le tempie.

Spasimano i cieli 
nel dilatarsi di voci spente. 
Soffio afono 
di manto difforme. 

E affondo 
vagando nel limbo 
dei sogni non nati.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog