Il mistero della mamma scomparsa (parte dodicesima)

Il ritorno del sole la sorprese raggomitolata sul mucchietto di paglia, avvolta stretta nella coperta sdrucita consegnatale da quell'ospite sconosciuto: rabbrividiva nel dormiveglia indugiando sulla soglia del nuovo giorno. Leonarda... ripeté a se stessa ed aprì gli occhi.
Si tirò in piedi avvolgendosi addosso la coperta come un mantello ed a piccoli passi si avvicinò alla finestrella per sbirciare il cielo: era plumbeo, aria di neve. Per un attimo rimpianse i soffici guanciali della mansarda dove aveva vissuto a casa del dottore, ma fu appena un attimo, poi sorrise e con il senso pratico appreso dalla vecchia Sara si chiese come avrebbe potuto rimettersi in cammino.

Le occorrevano calzature adatte al fango ed all'erba bagnata, ma non ne aveva e non aveva neanche denaro: insomma era andata ad impantanarsi in un posto più scomodo di quello da cui era fuggita solo il giorno prima, ma... ora poteva decidere da sola il da farsi e perciò stabilì bene a se stessa che se la sarebbe cavata.
Poteva lavorare per racimolare qualcosa: ecco cosa avrebbe fatto. Si riordinò alla meno peggio, ripiegò e ripose i pochi oggetti che aveva con sé nel suo zaino ed uscì dalla stalla per andare a cercare il contadino della sera prima, non dovette penare molto: lo trovò già fuori che stava per andare a curare il suo campo poco distante.
- Buongiorno! - cominciò Leonarda e dopo una breve esitazione, continuò: - senta, non conosce nessuno in paese che cerca operai o lavoranti? -
Il contadino la squadrò nuovamente dalla testa ai piedi:
- Buongiorno, è brutta oggi, è freddo... non so, cosa sa fare? -
Leonarda esitò: - posso fare qualunque cosa se me la spiegano - rispose infine.
L'uomo sorrise ed aggiunse: - Stanno raccogliendo le arance nella fattoria in fondo al villaggio, mi sembra cercassero braccianti...
- Grazie, grazie di tutto, arrivederci.
Ribatté la donna ed intanto si avviava nella direzione indicatale: non aveva mai raccolto frutta in realtà o non ricordava di averlo mai fatto, ma certo come avrebbe potuto saperlo?
Corrugò la fronte e la ruga guizzò sul viso per un istante fino ad imprimere una piega amara alle labbra: rimase così con lo sguardo assente, intento in un pensiero lontano ed irraggiungibile, mentre percorreva a grandi falcate il sentiero verso la fattoria.
Tutto da questo momento era nuovo e sconosciuto e... inutile negarlo, c'era anche qualcosa di molto simile alla paura nel guazzabuglio di rabbiose incertezze che ora le bruciavano dentro, implodendo una energia nuova e per lei del tutto sconosciuta.

Commenti

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola