L'ideatore dello stetoscopio celebrato oggi da Google

Oggi, ai tempi delle Tac, risonanze, radiografie, stratigrafie e quant'altro, Google celebra uno dei padri della semeiotica medica: l'inventore dello stetoscopio, un medico francese vissuto tra la fine del '700 e l'inizio dell'800, René Laennec.
Per chi non ne avesse cognizione, andiamo a precisare che lo stetoscopio è quel grazioso oggetto col quale ancora oggi medici ed infermieri usano adornarsi il collo o riempire la tasca del camice.

Si tratta dello strumento che di fatto sostituiva in passato gli esami strumentali praticabili oggi per diagnosticare malattie respiratorie e cardiache: con lo stetoscopio viene effettuata infatti la auscultazione toracica della respirazione e dei toni cardiaci.
L'esame clinico un tempo era l'unico strumento (e visti i recenti orientamenti della sanità pubblica, sembra che possa tornare in auge e restare lo strumento principale) per diagnosticare malattie dell'apparato cardio-respiratorio: l'apprezzamento di rumori patologici (soffi, rantoli, fremiti, sibili e via dicendo) in rapporto alle diverse fasi del respiro e del ciclo cardiaco consentivano di porre sospetti diagnostici e diagnosi, seppure con un margine di errore superiore a quello odierno, ottenibile con le sofisticate (e costose) strumentazioni attualmente in uso.

Laennec nacque a Quimper il 17 febbraio del 1781 e di sicuro la motivazione e l'interesse per le malattie respiratorie trova la sua radice nell'esperienza infantile, dato che il piccolo René perse la madre a soli cinque anni nel 1786 a causa della tubercolosi.
La passione per la medicina invece sembra gli sia stata trasmessa da uno zio medico a cui fu affidato.
Quando Laennec si avviò alla professione medica l'auscultazione veniva ancora effettuata in modo diretto, vale a dire appoggiando l'orecchio sul torace del paziente, il che poteva comportare problemi igienici, ma anche disagio nel contatto fisico diretto, specialmente nella regione precordiale femminile: sembra che proprio l'esigenza di aggirare un tale disagio sia stata la molla che indusse il giovane a sperimentare l'auscultazione mediata, anche con un semplice rotolo di carta.
La tecnica si rivelò efficace nell'isolare ed amplificare i suoni che interessava ascoltare e pertanto Laennec decise di perfezionarla fabbricando ed utilizzando inizialmente stetoscopi rigidi in legno.
L'invenzione rivoluzionò la diagnostica dell'epoca e, come si comprende facilmente ebbe sostenitori e detrattori, ma la sua utilità e validità si sono affermate nel tempo e durano fino ad oggi.



Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il primo appuntamento

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Il cielo stellato (poesia)

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia

Il canto del dio del fiume (poesia)