Rischio Vesuvio: viviamo tranquilli... per ora

Sono 695 gli eventi sismici di natura vulcanica registrati nell'ultimo anno dall'Osservatorio Vesuviano: innegabilmente il Vesuvio è un vulcano ancora attivo e pertanto queste attività sismiche vengono rilevate costantemente in qualunque arco di tempo si voglia considerare. Per formarsene un'idea  è sufficiente consultare i documenti disponibili on line dell'Osservatorio: nel mese di Gennaio 2016 ad esempio, sono stati registrati 77 terremoti, tra i quali la magnitudo massima è stata di 1.2 alla data del 30 gennaio. Solo in questo  mese di marzo sono stati registrati fino ad ora  circa 64 eventi, di cui quello con magnitudo più elevata (di 2.1) pochi giorni fa, l'11 marzo alle 9,25 ad una profondità di 0,96 Km. distintamente avvertito nella parte alta di Torre Del Greco, con epicentro localizzato tra Torre Del Greco e Trecase. Ne hanno parlato i media locali e per l'occasione sono ricomparse nel web le previsioni apocalittiche del prof Flavio Dobran, che da anni spiega quali potrebbero essere le conseguenze della futura eruzione.

Uno dei problemi del Vesuvio è che la bocca vulcanica è a soli 1.281 metri di altezza, molto più basso quindi di altri vulcani e pertanto molto più vicino ai centri abitati, l'altro problema del Vesuvio è quello creato nel tempo dagli abitanti del luogo, che hanno costruito parchi, abitazioni e perfino un ospedale (il Maresca, ndr) praticamente proprio sotto al cratere vulcanico. Non sappiamo in caso di eruzione dove, ovvero su quale versante, potrebbe aprirsi il cratere, ma dopo più di 70 anni di silenzio, è difficile esprimere previsioni attendibili, l'ultima eruzione, quella del 1944  rese necessaria l'evacuazione di 12.000 persone e fu preceduta da una intensificazione della attività sismica, la lava raggiunse San Sebastiano e Massa di Somma, mentre esalazioni di anidride carbonica arrivarono anche a Portici, Ercolano e Torre Del Greco.

Ora sul sito dell'Osservatorio è possibile visionare un istogramma che mostra come le attività sismiche registrate vadano gradualmente riducendosi nel tempo: c'è stata un'impennata nel 2000 ed in seguito  i terremoti sono andati facendosi sempre meno frequenti ed intensi. Insomma al momento non sembrano sussistere elementi di particolare allarme. Per ora possiamo stare tranquilli: l'andamento delle attività sismiche non si discostano significativamente da quelle abituali, ma certo stiamo parlando di un vulcano ed il margine di imprevedibilità dobbiamo metterlo comunque in conto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Il primo appuntamento

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il cielo stellato (poesia)

Il bambino epilettico a scuola

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia