Mattina: omaggio ad Ungaretti (poesia)

Con questi versi intendo partecipare all'evento #3 del gruppo #BrightMinds: la proposta di oggi vuole essere un omaggio al poeta Giuseppe Ungaretti ed in particolare ai versi del componimento "Mattina". Come tutti sanno la poesia è una delle più brevi e famose che si conoscano: "Mi illumino/d'immenso". Non tutti sanno invece, che il titolo originario di questi versi era "Cielo e Mare": una fusione di immensità, o meglio l'immensità allo specchio, un infinito spessore di azzurro...

MATTINA

Il primo respiro di luce:
sole nascente
stemperato
nell'aria infinita.

Sentiero di sguardo
aspirando,
digrada le tinte:
dal fuoco al celeste
sbiancato
disperso nel cielo lontano.

Spessori di spazio,
penetrante
sapore d'eterno,
deglutite
sfumature
d'azzurro rosato.

Goccioline pungenti alle nari,
suggestioni di voci narranti:
erba umida,
papaveri rossi,
spuma di onde.

E  voci lanciate
al firmamento
di parola incantata:
singolo soffio vitale.







Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

L’ombra di Peter Pan

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia