Il mare è cieco


Guardavo il paesaggio notturno: il fascino dei riflessi di luce, gli aloni, la scintilla oscillante sull'albero maestro, lo sciabordio delle onde ed ancora polvere di specchi sulla superficie dell'acqua. 
Mare come inchiostro, che non si può fermare in una immagine: nessun obiettivo vede quello che vedono gli occhi... e poi il firmamento. 
Mille punti di luce bianca, come un ricamo paziente, grappoli di paillettes sospese...
Il mare non vede le stelle:  l'acqua resta di inchiostro, è cieca, non percepisce gli astri lontani. 
Affoga negli abissi la freccia di luce tracciata dal  foro di un punto di cielo e scompare inghiottita. Non ne restano tracce sulla superficie increspata dal vento, ma solo lo strascico dell'astro notturno, che va tramontando: gocce di sangue sul velo d'argento.

Commenti

  1. Bellissimo!!
    Una metafora della vita. Le inutili raccomandazioni, gli inutili consigli che vengono detto e mai raccolti ma lasciati cadere nel vuoto.
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Patricia :-) buona domenica!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il primo appuntamento

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Il cielo stellato (poesia)

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia

Il canto del dio del fiume (poesia)