Cento primavere (poesia)

La primavera è la stagione dei colori, degli amori e della rinascita: lo so è anche la stagione delle allergie e quella che arriva puntuale a ricordarci che qualcosa deve morire perché la vita rinasca: nessuna cosa in natura accade senza un costo. Quando le primavere si accumulano sullo scaffale della nostra vita, qualcosa cambia nella fioritura: i petali che palpitano nel vento creano l'illusione di giovinezza e prodigioso richiamo al fascino della vita, ma sono destinati ad appassire e cadere presto per lasciare posto ai frutti che verranno, Non possiamo far durare i fiori: la loro natura è di soggiogarci e poi dimenticarci per perdersi in una nuova brezza.

Esala vapori
il limbo delle speranze:
colori nitidi di passione,
sfumati nell'attesa,
sbiaditi dal tempo.

Salgono alle nubi sognanti,
sgomenti della pioggia
di primavera,
precipitata in terra
a decomporsi
o nel mare
a disperdersi...
senza ritorno.

In fuga verso gli arcobaleni:
disegni di luce perfetta
sul cerchio di orizzonte.

Così, respirando piano
sul filo del vento,
profumi sottili
e narranti vicende
di aromi potenti
pervasi di storie.

Commenti

  1. La primavera come stagione... rinascita che porta alla maturazione di sogni tangibili.
    La primavera come età... rinascita effimera che crea un'illusione. Sembra di non sentire gli anni passati ma ci sono e ritorneranno prepotenti a brontolare per farsi ascoltare.
    Che importa? Godiamoci ogni tanto questa illusione e viviamola. Sappiamo che presto finirà. Intanto, sorridiamo alla vita
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patricia! Noi ci godiamo tutto il godibile... siamo una generazione godereccia :-D W la vita!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog