Passa ai contenuti principali

La giornata FAI d'autunno: cosa c'è da vedere a Napoli

La FAI è una organizzazione che da oltre 40 anni si adopera per la tutela del patrimonio culturale e paesaggistico italiano: proprio oggi, domenica 15 ottobre è la giornata Fai d'autunno. Sono state organizzate per l'occasione una serie di iniziative distribuite su tutto il territorio italiano, in 185 città con 170 itinerari tematici, che avranno mete di rilevanza culturale: palazzi, chiese castelli, alcuni dei quali abitualmente chiusi al pubblico, ma che oggi, in occasione della giornata d'autunno saranno aperti ai visitatori. L'iniziativa ha l'obiettivo di far conoscere al pubblico la ricchezza culturale del nostro territorio e quindi sensibilizzare e coinvolgere tutti nella tutela di questa nostra ricchezza, attraverso una partecipazione che può renderci fieri della nostra identità e della nostra storia.

A Napoli per la giornata Fai d'autunno, sono stati aperti: 
  • la Basilica Santuario del Carmine Maggiore 
  • la chiesa di San Giovanni a Mare
  • la chiesa di Sant'Eligio Maggiore
  • l'Istituto Isabella D'Este Caracciolo
  • il Museo storico della moda e del costume teatrale
  • Consorzio antico Borgo Orefici

La Basilica del Carmine si trova nei pressi di piazza Mercato, sede del culto della Madonna del Carmine, detta "La Bruna", un culto che risale al XIII secolo, avente per oggetto l'icona della madonna col bambino: un dipinto che, secondo la tradizione, sarebbe stato portato nell'antica chiesa dai frati carmelitani e che i devoti considerano prodigioso per le grazie ricevute.

La chiesa di San Giovanni a Mare si trova vicina al porto, costruita dai frati benedettini in epoca medievale, circa alla metà del XII secolo ed originariamente aveva annesso un ospedale: come altre architetture storiche napoletane è rimasta a lungo in stato di incuria ed abbandono, riportata agli antichi splendori solo di recente dopo interventi di restauro.

La chiesa di Sant'Eligio Maggiore è stata edificata nel 1270 in epoca angioina, contigua alla zona mercato: anche questa chiesa aveva un ospedale per la cura dei malati e nel XVI secolo divenne sede di un educandato femminile, dove le ragazze venivano istruite nell'arte infermieristica prestando opera nell'ospedale vicino.

L'Istituto Isabella D'Este Caracciolo è  una scuola media superiore situata nel rione Sanità, uno dei più complessi della città.

Il Museo storico della moda e del costume teatrale si trova a piazza Sant'Eligio ed espone un atelier di 15.000 indossati da personaggi famosi.

Il Consorzio antico Borgo Orefici in via Duca di San Donato espone l'arte orafa della città.

Per un giorno essere turisti della propria città è un modo per aprire gli occhi sulle bellezze che abbiamo la fortuna di possedere ed il dovere di proteggere.





Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.