Il razzismo uccide

Mentre le politiche populiste cavalcano il malcontento e la paura della gente coalizzandola ed aizzandola contro gli "stranieri", a Rimini un uomo italiano, aggredisce, massacra di botte, accoltella ed infine investe con l'auto un ragazzo di 25 anni considerato colpevole per il colore della sua pelle. A Londra un esaltato,  probabilmente un cane sciolto, forse affascinato dalla propaganda jihadista, ha ucciso quattro persone: erano passanti qualsiasi, gente colpevole di vivere in un paese occidentale e di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato... 

Anche i terroristi ormai devono limitarsi a suggestionare menti fragili e malate: è l'unico modo per non essere individuati e per evitare che attacchi organizzati vengano scoperti e sventati dai servizi di sicurezza. Non che la cosa sia in sé confortante, perché implica una imprevedibilità realmente pericolosa, ma in compenso sottolinea un aspetto cardine. I mandanti, che rivendichino o meno gli omicidi materialmente commessi da gente disperata, carica di rabbia e suggestionabile per fragilità e/o patologia psichica, i mandanti dicevo, sono coloro che cinicamente usano le proprie posizioni di prestigio  e privilegio sociale per propagandare ideologie ispirate all'odio razziale e religioso. 

Propagandare odio è un crimine! Al mondo vivono circa sette miliardi e mezzo di persone, di queste solo nella vecchia Europa è stato calcolato nel 2015 che oltre il 38% soffre di qualche forma di disagio psichico (XXIII Congresso dell'Associazione Europea di Psichiatria) e possiamo immaginare che nei paesi in via di sviluppo o afflitti da guerra e fame queste percentuali lievitino  vertiginosamente. 

Questo significa che se qualche incosciente criminale, trovandosi su di un pulpito, ha interesse a diffondere l'odio come ideologia, magari perché gli conviene pescare nel torbido per arricchirsi o perché spera di far carriera politica e/o conquistare potere e territori, sicuramente riuscirà a condizionare e suggestionare una folta platea di persone, che invece di cercare aiuto come potrebbero e dovrebbero, tenderanno ad identificarsi nel leader negativo ed a mandare ad effetto le sue parole. 
Gli esperti prevedono che nel 2030 i disturbi e le malattie più frequenti saranno di natura psichica e c'è da rabbrividire a figurarsi una umanità impazzita, dove la gente corre in strada ad aggredire il vicino di casa per il suo colore o il suo credo: il razzismo uccide e chi ha voce e visibilità gestisce una responsabilità immensa di cui non tutti si dimostrano all'altezza.




Commenti

Post popolari in questo blog

Amicizia: un valore confermato dalla scienza

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)

Il bambino epilettico a scuola