Il sentiero smarrito nel tramonto (poesia)


Quando l'aria è limpida ed il cielo sgombro, quando il sole ha dominato incontrastato durante il giorno dissipando ogni velo e scacciando ogni fantasia dei tumuletti che scorrazzano a mezz'aria come inutili capricci puerili, allora  rimane come un pulviscolo sospeso a stemperare i colori della luce che va spegnendosi e boccheggiando sacrifica al mare il suo ultimo canto di cigno.
Soltanto quando il sole si immerge rivelando l'idea di eterne tempeste di fuoco è dato all'occhio umano di fissarlo per brevi istanti, non durante il giorno, non quando ne sarebbe accecato, come divina punizione della sua superbia.
Questa è l'ora in cui ogni cosa si placa, l'ora dei richiami degli uccelli, raccolti in stormi per tornare al nido, è l'ora degli sguardi che si posano sui riflessi struggendo i ricordi come cera che sgocciola sotto la  fiammella.
Scivolano pensieri e rapprendono sul fondo in nuove forme a creare altre storie finché la luce scompare ...

Il sentiero smarrito

Mi cullavo in un sogno
e dimenticai l'attesa.
Lasciai accesa una luce
per ritrovare la strada
e andai a smarrirmi
sul sentiero di confine.

C'era la terra
ed affondai nel mare,
impregnandomi lentamente
come una piccola 
barchetta di carta
sommersa ondeggiando
nella sua leggerezza.

E non mi accorsi
dell'acqua,
ma ne amai il tepore.




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog